Tempo di lettura: 1 minuto

Salerno – Per la prima volta, da quando si è insediato ai vertici della curia arcivescovile di Salerno, il vescovo monsignor Andrea Bellandi ha ricevuto all’interno del palazzo arcivescovile questa mattina, una delegazione del comitato Salute e vita, l’associazione che si batte contro l’inquinamento atmosferico del quartiere di Fratte e che attribuisce ai fumi prodotti dalle Fonderie Pisano la responsabilità dei numerosi casi di tumore che si registrano nel quartiere. Nel corso dell’incontro il comitato ha portato al tavolo del vescovo le testimonianze dirette di alcune persone malate, ma il vescovo ha chiesto tempo per poter approfondire i documenti e valutare. Bellandi ha anche assicurato che parlerà con il suo predecessore Moretti che sulla questione aveva assunto una posizione nettamente a favore del comitato.