Tempo di lettura: 2 minuti

Nocera Inferiore (Sa) – Alla Stroke Unit dell’Ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore è stato assegnato per il secondo anno consecutivo il riconoscimento quale “Centro di Platino” nella cura dei pazienti colpiti da ictus cerebrale.

Tale premio viene conferito da ESO Angels (European Stroke Organization Conference Angel Award), una organizzazione Europea che premia l’eccellenza nella cura e nella presa in carico dei pazienti colpiti da Ictus Cerebrale; ricordiamo che tale patologia rappresenta nel mondo la terza causa di morte e la prima causa di disabilità grave permanente.
“Il riconoscimento di carattere internazionale a valenza europea – fa sapere l’Asl Salerno – certifica gli ottimi livelli raggiunti nel percorso diagnostico-terapeutico-assistenziale dell’Ictus ischemico sulla base di elementi ben precisi e misurabili: tempi di arrivo del paziente colpito al pronto soccorso, tempi intra-ospedalieri prima di ricevere il trattamento adeguato ed infine i tempi necessari alla effettuazione del trattamento stesso. L’ictus cerebrale è infatti una patologia temp-correlata e quindi la tempestività e l’adeguatezza dei trattamenti condizionano in maniera determinante gli esiti della malattia in termini di minore mortalità ma soprattutto di riduzione della disabilità residua.
Il prestigioso riconoscimento è frutto della costante sinergia e collaborazione tra la Stroke Unit diretta dalla dottoressa Teresa Cuomo, la UOC di Neuroradiologia Interventistica diretta dal dottore Andrea Manto e il Pronto Soccorso diretto dalla dottoressa Giovanna Esposito, che hanno permesso di mettere a punto una organizzazione rodata che consente la gestione completa dell’emergenza ictus.
Presso l’Ospedale di Nocera è infatti possibile ricevere nei tempi previsti dalle linee guida internazionali i trattamenti più moderni che vanno dalla somministrazione di farmaci trombolitici endovenosi alla ricanalizzazione dei grossi vasi arteriosi intracranici con tecnica endovascolare attestando lo stesso Presidio come centro HUB nella Rete dell’Emergenza Stroke.
L’organizzazione europea ESO, prima di assegnare i riconoscimenti, monitora e controlla le prestazioni diagnostico-terapeutiche fornite ai soggetti colpiti da ictus ischemico allo scopo di migliorare il trattamento intra-ospedaliero, per dare quindi ai pazienti, come recita la mission dell’organismo europeo ‘una seconda opportunità di vita’.
Alla dottoressa Cuomo sono state nei giorni scorsi consegnate le targhe che certificano, per il secondo anno consecutivo, l’alta professionalità della struttura”.