Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – Il deputato Pd Piero De Luca pubblica un lungo post contro le politiche del governo in tema di immigrazione attaccando Salvini. Riceve centinaia di like ‘ortodossi’ e qualche commento. Tra questi quello, tranciante e certamente degno di nota di Dauda Niang, il presidente della storica comunità cittadina di senegalesi. Di seguito il botta e risposta. Piero De Luca: “La politica dei ‘porti chiusi’ è un grande bluff. Il Governo annuncia da mesi la chiusura dei porti senza riuscirci, mettendo solo a rischio la vita di tanti migranti, come i 42 bloccati da ultimo sulla SeaWatch. Nel frattempo, apre invece gli aeroporti italiani ad almeno 1 200 dublinanti rimpatriati solo dalla Germania, rinuncia a cambiare il Regolamento di Dublino e blocca la redistribuzione obbligatoria di circa 27 000 richiedenti asilo dal nostro Paese verso altri Stati UE. Direi che questo possa bastare per definire ‘disastrosa’ la politica reale di Salvini in materia di immigrazione. Con la propaganda social non si aiuta l’Italia. Forse sarebbe più utile che Salvini partecipasse ai vertici europei per far adottare in sede UE misure serie e solidali di sostegno strutturale al nostro Paese, così da evitare situazioni vergognose per l’Italia e per l’intera Europa come quelle cui stiamo assistendo nelle ultime ore“.

Douda Niang legge e risponde: “Chiudere i porti è meglio che chiudere la città come state facendo qui a Salerno con gli immigrati. Non avete mai creato nessuna opportunità per l’integrazione e avete tolto tutte le opportunità di lavoro ai lavoratori e lavoratrici ambulanti che vivono la città da più di 30 anni. Lasciate la demagogia politica che fate, meglio uno che parla di cattiveria senza farlo che chi fa demagogia ma poi pratica la cattiveria.
La politica di papà in materia di immigrazione è più disastrosa“.