Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – La violenza contro le donne è una delle più vergognose violazioni dei diritti umani. La Lega Navale di Salerno ha aderito al progetto nazionale Panchine Rosse. “Abbiamo celebrato la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne con l’installazione della Panchina Rossa presso la nostra struttura; intendiamo rappresentare uno spazio idealmente occupato dalla presenza delle donne cadute vittime di violenza”, ha detto il presidente Fabrizio Marotta.

Intanto una notizia positiva riguarda, ancora, l’universo femminile salernitano: Anna Cannavacciuolo (foto a lato) Marina Manager di Marina d’Arechi, è tra le “donne-leader” della nautica internazionale. Il riconoscimento è arrivato da uno dei più prestigiosi club internazionali del settore della nautica, e cioè Camper and Nicholson, che ha analizzato la presenza femminile non solo

 nella guida di infrastrutture turistiche, ma anche nei settori strategici delle attività. “Nel centro sud Italia l’unico ‘marina’ dipinto di rosa è proprio MDA. A cui si aggiunge soltanto il Porto Lotti di La Spezia – dice il sindaco Vincenzo Napoli -. Ad Anna e a tutto il suo staff, quasi tutto al femminile, va il mio personale augurio e apprezzamento per quanto fa in questo settore così strategico per l’economia. Grazie a lei che è una delle donne più potenti dell’industria marina di tutta Europa, il Marina d’Arechi è un porto di riferimento a livello internazionale”.