Tempo di lettura: 5 minuti

Salerno – Salerno fa incetta di 5 e 4 Vele Legambiente. In particolare da Castellabate a Camerota le 5 Vele si spiegano al vento dappertutto, in ben 10 Comuni. In Costa d’Amalfi 8 Comuni ottengono le 4 Vele.

“Il mare più bello 2021” è la guida annuale di Legambiente e Touring Club Italiano. Essa offre ai lettori l’individuazione “dei comprensori turistici per orientarsi tra le tante località marine e lacustri della Penisola”.

METODOLOGIA – Nella nota di Legambiente si legge: “La guida illustra una selezione dei comprensori balneari italiani in base a criteri principalmente ispirati alla qualità delle acque e, più in generale, all’attenzione all’ambiente. Sono 98 i comprensori turistici italiani individuati sulla base dei dati raccolti da Legambiente sulle caratteristiche ambientali e sulla qualità dell’ospitalità. I dati sono stati integrati dalle valutazioni espresse dai Circoli locali e dall’equipaggio della Goletta Verde. Il giudizio attribuito a ciascun comprensorio, dalle 5 vele assegnate ai migliori fino a 1 vela, è frutto di valutazioni approfondite. I parametri sono divisi in due principali categorie: qualità ambientale e qualità dei servizi ricettivi”.

5 VELE – In Campania le 5 vele sventolano lungo la costa a sud di Salerno che comprende il Cilento Antico e la Costa del Mito. Premiati con 5 vele il comprensorio turistico Cilento Antico (con Pollica-Acciaroli e Pioppi, Castellabate, San Mauro Cilento e Montecorice) e la Costa del Mito (con San Giovanni a Piro-Scario, Camerota, Centola-Palinuro e Pisciotta).

Il Cilento Antico inizia con Castellabate. Questo caratteristico paese è situato nell’interno, ma nel territorio del suo Comune si trovano il borgo marinaro di Santa Maria e il paese di San Marco – che fu uno scalo prima greco e poi romano – che sorge sul promontorio di punta Licosa, estrema propaggine meridionale del golfo di Salerno. A piedi o via mare si può raggiungere il capo, su cui si trova un’antica torre, una delle prime strutture difensive che segnano tutta la costiera cilentana e che avevano lo scopo di vegliare sui paesi dell’interno. La piccola isola Licosa, meta di gite in barca, conserva resti di moli romani e, in un ambiente selvaggio e solitario, molti esemplari di pino d’Aleppo che, secondo gli storici, è stato probabilmente importato su questo isolotto dai navigatori fenici. Deviando dalla strada costiera, poco prima di Acciaroli, si incontrano i borghi di Montecorice e San Mauro Cilento. Più a sud lungo la costiera, nel silenzio di Acciaroli amava soggiornare Ernest Hemingway, affascinato dalle case di pietra sugli scogli, collegate alla strada da passerelle, dalla tranquillità del porticciolo e dai colori delle spiagge.

Il tratto di costa che si estende da Pisciotta, o più precisamente il suo equivalente marittimo, Marina di Pisciotta, passando dalla celebre località turistica di Camerota, fino a San Giovanni a Piro, di cui Scario è la frazione marittima, delinea il comprensorio chiamato Costa del Mito. Tutta la costa, da Palinuro a Marina di Camerota, è un susseguirsi di chilometri di spiagge, calette, rocce a picco sul mare, grotte segrete: una costa tra le più belle d’Italia, a tratti ancora incontaminata, con i paesi che conservano l’originario carattere di borghi marinari, l’odore salmastro, le reti ad asciugare e il profumo della macchia mediterranea. Splendidi scorci e panorami incantevoli si susseguono in questo tratto di costa dal carattere selvaggio, dove la natura dà il meglio di sé. Numerose località turistiche punteggiano il litorale; la proposta balneare è ricca e diversificata lungo la costa, rendendo così la zona perfetta per ogni tipologia di turismo.

4 VELE – Anche i comprensori premiati con le Quattro Vele si possono considerare luoghi di grande eccellenza, in grado cioè di coniugare un territorio di qualità con gestione dei servizi di buon livello. Le Quattro Vele sventolano in Campania: con 4 vele premiate la Costiera Amalfitana (con i Comuni Positano, Cetara, Amalfi, Vietri sul Mare, Praiano, Maiori, Minori e Conca dei Marini) e Isola di Capri (con i comuni Anacapri, Capri).

3 VELE – Nella Guida Blu di Legambiente sono presenti anche altri comprensori campani. Con 3 vele troviamo Costa di Elea (con i Comuni di Ascea e Casal Velino); Costa di Poseidonia (con i Comuni di Agropoli e Capaccio-Paestum), la Penisola sorrentina e AMP Punta Campanella (Massa Lubrense, Vico Equense, Sorrento, Meta e S. Agnello) e il Regno di Nettuno (Ischia, Procida e Bacoli).

2 VELE – Chiude con 2 vele il Golfo di Policastro (Sapri, Vibonati, Ispani e Santa Marina-Policastro).

“In questi venti e più anni – commenta Francesca Ferro direttrice Legambiente Campania – abbiamo costruito un solido rapporto di collaborazione con le amministrazioni locali e con gli operatori dei territori del litorale del nostro Paese raccontati in questa guida. Abbiamo accompagnato sindaci, piccoli e grandi imprenditori, associazioni e cittadini lungo percorsi virtuosi per ridurre la quantità di rifiuti, gestire al meglio le aree protette, promuovere l’enogastronomia di qualità e le buone pratiche di fruizione del litorale e così via. Ora si può dire che tutti coloro che sono in quest’elenco condividono quanto meno un vocabolario comune, a tutti loro abbiamo indicato un medesimo orizzonte cui tendere, che oggi all’indomani di una delle più gravi catastrofi sanitarie mondiali, appare paradossalmente forse più vicino, senza dubbio più obbligato. Le località campane al vertice della nostra classifica sono quelle che avranno più possibilità di vincere le sfide del futuro, quelle in grado cioè di coniugare al meglio le tematiche ambientali con le prospettive di sviluppo economico, che sapranno più di altre cogliere le opportunità che verranno dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e tradurle in occasione di rinascita e rafforzamento del tessuto economico e, soprattutto, di quello sociale. Perché per uscire fuori da questa crisi dovremo essere non solo più forti, ma anche più green”.