Tempo di lettura: 2 minuti

C’è anche la discoteca “Dolcevita” di Salerno tra i video postati dalla giornalista ed influencer Selvaggia Lucarelli per mostrare come sono ormai pochi i locali che si stanno preoccupando ancora di rispettare le regole.

Il video della discoteca salernitana è utilizzato dalla Lucarelli per stigmatizzare anche l’atteggiamento del governatore della regione Campania Vincenzo De Luca, tra i Governatori più rigidi rispetto alle riaperture e tra i pochi ad aver mantenuto l’obbligo di indossare la mascherina.

“Questo era il Dolcevita ieri sera a Salerno la città di De Luca” scrive la Lucarelli, postando il video della serata di ieri con centinaia di persone e ricordando che, invece, come da locandina,  il locale doveva offrire un concerto a capienza limitata. Il video è utile alla giornalista per ribadire che queste immagini rappresentano “un insulto a chi organizza concerti e eventi tra mille limitazioni, a chi ha la discoteca con i sigilli da 18 mesi, a chi deve mettersi una mascherina anche per entrare in un bar solo a prendersi un caffè”.

Per la Lucarelli “questo non può essere il paese che premia i  furbi soprattutto in un momento in cui ci sentiamo tutti vittime di una grande ingiustizia”. Immancabili i commenti a favore del suo pensiero soprattutto da parte di gestori di discoteche e locali che lamentano la sofferenza legata a lunghi mesi di chiusura nel rispetto delle regole e la rabbia davanti ai numerosi video provenienti anche da altre parti d’Italia che mostrano chi le regole non le rispetta. De Luca non il solo politico chiamato in causa attraverso i social della Lucarelli. Nelle storie Instagram mostrando una serata senza regole al Twiga beach Club la Lucarelli chiama in causa Daniela Santanchè e accusa infine i gestori di stabilimenti balneari di trasformare i lidi in discoteche e fare cassa per l’inverno mentre i proprietari della discoteca vere sono ancora costretti a stare chiusi.