Tempo di lettura: 3 minuti
E’ stato inaugurato ieri mattina, a Mercato San Severino, il Parco dello Sport nella Frazione Lombardi, opera finanziata dalla Regione Campania nell’ambito dei progetti di riutilizzo e valorizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata.
Il Parco nasce nell’area dove, sino ad oggi, era presente un campo inutilizzato di Calcio a 5 e prende spunto dalle best practices internazionali in tema di utilizzo degli spazi pubblici, ispirandosi, per fare qualche esempio, al campo da basket Pigalle a Parigi, al parco Superkilen a Copenhagen ed ai Box Hills Gardens a Melbourne.
Nel Parco dello Sport sono stati, inoltre, piantati 15 alberi donati dal Rotary alla Città di Mercato S. Severino nell’ambito del progetto “Urban Green” a proposito del quale l’Assessore Enza Cavaliere, presente ieri mattina, ha voluto “ringraziare nuovamente il Presidente del Rotary Club Salerno Nord Carmelo Orsi ed i Past President del Club Fulvio Leo e Vittorio Villari per averci coinvolto nel progetto consentendoci di donare nuovo verde alla nostra Città ed ai nuovi punti di aggregazione che stanno nascendo come appunto il Parco dello Sport”.
 
L’Assessore al decoro urbano Gerardo Figliamondi e l’Assessore allo Sport Giuseppe Albano hanno parlato così della nuova opera. “Il Parco dello Sport di Lombardi – affermano – rappresenta un’opera all’avanguardia, che si ispira a modelli di Città internazionali e che riqualifica un’area destinata ad attività ludico-sportiva ma, di fatto, in disuso da tempo oltre a connotare ancor più marcatamente la zona di San Vincenzo e Lombardi, di una forte vocazione alle attività giovanili. L’opera inaugurata nella frazione Lombardi – continuano Figliamondi e Albano– si innesta nel solco di una capillare attività dell’Amministrazione Comunale di ricerca di nuovi spazi da dedicare alle attività ludico-sportive e fa piacere rimarcare che, in questo caso, si è scelto di privilegiare anche la pratica di sport quali il basket ed il tennis oltre chiaramente al calcio. Il Parco dello Sport non si pone solo come struttura sportiva tradizionale ma anche come uno spazio pubblico capace anche di innescare nuove dinamiche sociali”.
 
Anche il Consigliere Comunale Rosa Ascolese, presente alla cerimonia di inaugurazione, pone l’accento “sull’impatto sociale di un’opera che, oltre a costituire un nuovo punto di aggregazione ha un elevato significato simbolico visto che nasce in un’area confiscata alle mafie rendendo di fatto la frazione Lombardi come simbolo della lotta alle mafie”.
 
Chiusura dedicata al Sindaco Antonio Somma: “Inauguriamo un’opera ad elevato impatto simbolico per la comunità di Mercato S. Severino a cui restituiamo un’area confiscata alle mafie e tuttavia in disuso da anni. Era importante che il Parco dello Sport sorgesse nell’area delle frazioni di Lombardi e San Vincenzo che, negli ultimi decenni, ha riscontrato i maggiori incrementi di popolazione e che ha visto la realizzazione del nuovo complesso scolastico in via di ampliamento.
E’ un’opera, consentitemi, anche bella da vedere perché prende esempio dalle best practices di Città come Parigi o Melbourne, che hanno inteso integrare le aree per lo sport nelle periferie, influenzandone positivamente la riqualificazione, migliorando l’integrazione tra le diverse fasce sociali e generando fenomeni di aggregazione che portano beneficio alla vita cittadina e che, auspico, possano presto vedersi anche in questa area. A tal proposito posso inoltre annunciare che, molto presto, l’area sarà dotata di giostrine per i più piccoli e di panchine. Desidero infine ringraziare per la costante presenza Don Aniello Manganiello”.