Tempo di lettura: 4 minuti

Salerno –  “Racconti a colori” è una bellissima esperienza di dono: un libro scritto da bambini, illustrato da bambini e destinato ai bambini. Un lavoro di squadra, un impegno sinergico tra i volontari dell’associazione ‘Nasi Rossi Clown Therapy’, la scuola coinvolta nel progetto, l’Istituto Comprensivo Eduardo De Filippo di Sant’Egidio del Monte Albino, l’Ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, le docenti e i tanti bambini della scuola primaria che hanno partecipato con entusiasmo.

Tutti hanno collaborato alla riuscita del progetto “Favolando in corsia”. Come il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria Antonio Marziale che ha curato la prefazione e il Rotary club ScafatiAngri Realvalle che ha sostenuto il progetto e reso possibile la sua realizzazione.

‘Favolando in corsia’ è un progetto rivolto a bambini ospedalizzati e ai bambini della scuola primaria, orientato a sviluppare e potenziare negli stessi la creatività e l’amore per il libro e la lettura. Invogliare i bambini a scrivere favole permette di trasmettere valori, sensibilità e consente di favorire e stimolare l’immaginazione, motore della creatività.

Il libro “Racconti a colori” sarà presentato a Salerno sabato 11  settembre alle ore 18:30, presso il Museo Diocesano in Largo Plebiscito, 12. Il coordinamento dei lavori e la moderazione della discussione sono affidati al giornalista Antonio Di Giovanni. Per i saluti, don Luigi Aversa Direttore del MU.DI. San Matteo di Salerno, Vincenzo Cerrato Presidente VINCE Consulting – Comitato scientifico del MU.DI. , Maria Settembre Presidente Associazione “I Colori del Mediterraneo”, Mario De Rosa Direttore artistico del MU.DI. San Matteo di Salerno.

Interverranno:  il Presidente dell’Associazione Nasi Rossi Clown Therapy Francesca ColomboLorenzo Basile, coordinatore del progetto “Favolanda in corsia” e Vincenzo Salerno dell’Università degli Studi di Salerno.

Il progetto “Favolando in corsia”, elaborato dall’Associazione Nasi Rossi Clown Therapy, è rivolto a bambini e ragazzi ed è orientato a potenziare la creatività e l’amore per il libro e la lettura; a sviluppare la cultura del dono, intesa come impegno gratuito per l’altro e della inclusione quale strumento di inserimento e crescita armonica.

Bambini e ragazzi della scuola sono stati chiamati, con l’aiuto degli insegnanti, a scrivere una favola. I bambini dell’ospedale hanno illustrato le favole con disegni e pittura. Attraverso questa collaborazione i bambini e i ragazzi sono diventati i veri protagonisti del libro. Potenziare e stimolare la creatività individuale; rompere l’isolamento e l’emarginazione del bambino ospedalizzato; promuovere un atteggiamento positivo nei confronti della lettura; favorire l’avvicinamento affettivo ed emozionale dei bambini al libro; condurre l’alunno alla scoperta della lettura come piacere; sperimentare strategie didattiche per favorire l’ascolto, la narrazione, l’animazione alla lettura; acquisire competenze finalizzate alla comunicazione orale e scritta di fatti, storie, emozioni, sentimenti, esperienze, stati d’animo.

Il coordinamento delle varie fasi progettuali, l’organizzazione per la presentazione del libro è a cura dell’Associazione Nasi Rossi Clown Therapy. Il libro è stato pubblicato grazie al sostegno del Rotary club Scafati – Angri Realvalle.

“In un tempo in cui si ergono muri -ha dichiarato Francesca Colombo Presidente dell’Associazione Nasi Rossi Clown Therapy – dove l’egoismo sembra dominare la scena del mondo, mettere al centro del nostro impegno ‘il dono dei bambini’ ci è sembrata una scelta rivoluzionaria. Perché i bambini sono la vera forza del mondo, il motore del cambiamento. Questo libro è la parte finale del progetto ‘Favolando in corsia’, una esperienza straordinaria che abbiamo vissuto lavorando con i bambini dell’Istituto Comprensivo Eduardo De Filippo di Sant’Egidio del Monte Albino, con le insegnanti e con i medici e gli infermieri dell’Ospedale Umberto I di Nocera Inferiore. Racconti a colori è sostanzialmente una esperienza di dono”. Il libro sarà ceduto in cambio di un contributo a sostegno delle attività di clown terapia.