Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – Ozono utilizzato al posto dei prodotti a base di cloro e alcol per la sanificazione delle attività commerciali. È quanto scoperto nei comuni di Buccino, San Gregorio Magno e Palomonte, dai carabinieri forestali della locale stazione di Buccino agli ordini del maresciallo Antonio Zinna, che nei giorni scorsi hanno sanzionato e denunciato alla Procura della Repubblica di Salerno, decine di imprenditori titolari di attività commerciali e una ditta di pulizie che, priva di autorizzazioni ed iscrizione alla camera di commercio per tali specifiche attività, effettuava le sanificazioni degli ambienti per debellare il coronavirus utilizzando l’ozono.

Tutto è nato dai controlli del rispetto dei decreti ministeriali e delle ordinanze sindacali in tema di prevenzione contagio da covid-19, effettuati già a partire da marzo, in centinaia di attività commerciali del cratere salernitano da parte dei militari.

Sanificazioni contro i covid-19 che, secondo quanto stabilito dal protocollo del Ministero della Salute, deve avvenire utilizzando solo prodotti a base alcol e cloro, escludendo quindi, l’impiego dell’ozono poiché non esisterebbero prove scientifiche che dimostrino l’efficacia di quest’ultimo contro il coronavirus.

L’attenzione dei carabinieri si è concentrata così, tra gli altri, sulle attività commerciali che avevano esposto il cartello con la dicitura “ambiente sanificato con ozono”, scoprendo che tra la documentazione in possesso degli imprenditori e rilasciata dalla ditta che aveva effettuato la sanificazione, non vi erano documenti inerenti le autorizzazioni con iscrizione alla camera di commercio della ditta di pulizie circa lo svolgimento di tale specifica attività di sanificazione degli ambienti.

Per i commercianti sono così scattate delle sanzioni amministrative di circa 400 euro l’una, mentre il titolare della ditta di pulizie, un giovane imprenditore della Valle del Sele che aveva effettuato le sanificazioni con ozono presso le attività commerciali senza averne le autorizzazioni e violando anche il protocollo ministeriale che non prevede l’uso dell’ozono per debellare il virus covid-19, è stato sanzionato e denunciato alla Procura della Repubblica di Salerno.