Tempo di lettura: 3 minuti

Positano (Sa) – Dov’è che tutto accade? Dove inizia il viaggio? Cosa determina il destino dei singoli e quello del mondo?

La piccioletta barca della XXIX edizione della rassegna letteraria “Positano Mare, Sole e Cultura” salpa verso nuovi mari e prosegue con due incontri che, alternandosi tra personaggi realmente esistiti e di fantasia, offriranno uno sguardo sulle esistenze avventurose e a tratti difficili di quelle donne e quegli uomini che sono diventati protagonisti del secolo che hanno attraversato.
 
Sono le voci e le storie di donne quelle che daranno forma alla serata che giovedì 5 agosto (ore 21 – Terrazza Marincanto) vedrà ospiti Romana Petri, autrice de La rappresentazione (Mondadori) e Elisabetta Rasy, autrice de Le indiscrete (Mondadori), che nel corso di una serata dal tema “Fotografando la storia”, esploreranno i confini dell’esistenza, superandoli.
Se da un lato infatti, Romana Petri tornerà a raccontare Lisbona, teatro morbido e morboso, con le sue ombre e i suoi intrighi, muovendosi con insinuante agilità fra l’ottusità dei rituali famigliari e il gesto rivelatore e magico dell’arte. Dall’altro Elisabetta Rasy insegue lungo l’arco del Novecento la vita e l’opera di cinque donne straordinarie, animate, ognuna secondo il proprio temperamento, da un’inarrestabile aspirazione alla libertà, e accomunate tutte da un rivoluzionario desiderio: indagare la realtà con il proprio sguardo femminile, abituato a cogliere aspetti della vita ignoti, intimi o trascurati, coltivando un’audace arte dell’indiscrezione che è l’esatto contrario dell’indifferenza.
 
“Mondi e Visioni” invece sarà il tema che animerà l’incontro che venerdì 6 agosto (ore 21 – Villa Treville) vedrà ospiti Gennaro Sangiuliano, autore di Reagan (Mondadori) e Antonio Monda, autore de Il principe del mondo (Mondadori), che attraverseranno la storia americana, delineando le diverse sfaccettature dell’identità di una nazione dove tutto può accadere. All’incontro parteciperà Mariastella GelminiMinistro per gli Affari regionali e le autonomie.
A quarant’anni dall’insediamento di Ronald Reagan alla Casa Bianca, Gennaro Sangiuliano dedica al presidente più popolare dell’America moderna una biografia dettagliata Dopo la laurea in economia, Reagan approda a Hollywood quasi per caso e fa una discreta carriera nel mondo del cinema, fino a quando non scopre l’importanza dell’impegno politico, prima in qualità di presidente del sindacato degli attori (Screen Actors Guild) e poi come governatore della California dal 1967 al 1975 nelle file del Partito repubblicano, lui che da giovane aveva avuto simpatie per il democratico Roosevelt.
L’America però, ed in particolare la New York della fine degli anni Venti, è anche il palcoscenico dove Antonio Monda mette in scena la storia di Jake Singer, prima assistente di Sam Warner, il più autorevole dei Warner Bros, con l’introduzione del sonoro, e poi di Joe Kennedy, il capostipite della più importante famiglia americana del XX secolo. Kennedy è un uomo controverso, duro, discusso, smodatamente ambizioso e disposto a tutto pur di raggiungere i suoi obiettivi. Ma è anche intelligentissimo, visionario e coraggioso. La sua, e quella dei suoi figli, sarà una storia leggendaria e drammatica, di cui Jake Singer è testimone privilegiato e narratore, e col suo racconto, serrato e avvincente, ci restituisce luci, ombre, atmosfere e protagonisti di una famiglia che è diventata mito.
Nel corso della serata sarà consegnato il Premio Internazionale di Giornalismo Civile in memoria di Giulio Giorello in occasione dell’uscita del volume le avventure della libertà, il volume a cura di Antonio Carioti che raccoglie gli articoli e i dialoghi del filosofo apparsi su «la Lettura». Il premio, presieduto da Arturo Martorelli e conferito dall’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, è assegnato ai giornalisti e ai personaggi che si sono distinti per l’impegno profuso nella tutela dei diritti civili, nelle inchieste e nel coraggioso sostegno dei valori sociali.