Tempo di lettura: 1 minuto

Salerno – “La nostra non è una battaglia di retroguardia per garantire privilegi dell’avvocatura, ma un’occasione per riflessione sul mondo della giustizia che viene utilizzato in modo improprio“. Non risparmia critiche al Ministro della Giustizia, l’avvocato Michele Sarno, Presidente Emerito della Camera Penale di Salerno, che stamani, nel suo studio, ha tenuto una conferenza  per spiegare i motivi dell’astensione degli avvocati penalisti dalle udienze per il 28 gennaio, contro la nuova disciplina della prescrizione, introdotta attraverso la “Riforma Bonafede” ed entrata in vigore lo scorso primo gennaio. 
Abbiamo messo all’apice del nostro sistema un soggetto che  non sa distinguere tra delitto doloso e delitto colposo”, ha detto Sarno che ha convocato la conferenza stampa anche per replicare alle esternazioni del presidente della II sezione penale presso la Cassazione e membro togato del Csm Piercamillo Davigo, sulla prescrizione, la responsabilità in solido dell’avvocato quale freno contro i ricorsi pretestuosi e reformatio in peius in appello e revisione del gratuito patrocinio per i non abbienti.