Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – “Dopo il grave episodio di violenza nel cuore del centro cittadino di sabato natalizio (LEGGI QUI, ndr), e dopo essermi interfacciato con i sindacati dei vigili urbani, e dopo aver appreso e conosciuto i termini della vicenda, credo sia opportuno interrogare immediatamente l’assessore alla polizia municipale per conoscere e capire per quale motivo e dotazioni di sicurezza dei vigili urbani sono insufficienti e inadeguate”. A poche ore dall’incredibile atto di violenza perpetrato da stranieri venditori irregolari contro il tentativo di ripristino della legalità delle Forze dell’Ordine, arriva il commento del consigliere comunale di opposizione Antonio Cammarota. L’avvocato aggiunge: “In particolare, come riferito nel corso dell’audizione in commissione trasparenza, non sono disponibili negli spray, le dotazioni di sicurezza, e la radio di ordinanza sulle auto non è efficace. In qualunque città, non solo europea, la sicurezza è la precondizione”. Il problema è stato sollevato anche da Angelo Rispoli, sindacalista CSA-Fiadel che si è spinto a chiedere l’utilizzo del Taser. Quella di Cammarota pare sia l’unica voce del mondo politico a commento del grave episodio. Zitte come pesci le ‘sardine’, distratta come al solito la Lega locale (generalmente assente quando non vi sono selfie da fare), muto (in riflessione?) il Comune. (Immagine di repertorio)