Tempo di lettura: < 1 minuto

Salerno – Il Coronavirus cambia le secolari abitudini della Chiesa. Una circolare emessa oggi, giovedì, dall’Arcivescovo monsignor Andrea Bellandi stabilisce le regole precauzionali da adottare per contenere, durante le funzioni religiose, il rischio-contagio. “In attesa di di eventuali ulteriori indicazioni da parte delle competenti autorità”, Bellandi invita i parroci di tutte le chiese dell’Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno ad adottare le seguenti disposizioni: “Svuotare le acquasantiere, omettere lo scambio di pace, la comunione eucaristica sia distribuita a mano, si prendano precauzioni durante le confessioni auricolari ed in contesti di contatti personali”. Bellandi si raccomanda: “I sacerdoti spieghino ai fedeli che si tratta di doverose misure precauzionali da attuare per il bene della società. Fino ad eventuali nuove comunicazioni le sante Messe saranno regolarmente celebrate”. In chiusura riprende concetti espressi dalla CEI: “Ci impegnamo a fare la nostra parte per ridurre smarrimenti e paure che spingerebbero ad una sterile chiusura. Questo è il tempo in cui ritrovare motivi di realismo, di fiducia e di speranza che consentano di affrontare insieme questa difficile situazione”. Chiuso anche il grande seminario arcivescovile di Sant’Antonio di Pontecagnano Faiano. Tutti i seminaristi sono tornati nei propri luoghi di origine.