Tempo di lettura: 4 minuti

Salerno – Sarà un venerdì campale per la Lega Salerno. Dapprima una conferenza stampa sul tema della ‘giustizia giusta’ annunciata molto partecipata, poi l’arrivo di Salvini in città. Non è un caso che il segretario Rosario Peduto, sul cui tavolo il dossier più spinoso è quello della scelta – oramai amletica – del candidato-sindaco da appoggiare, faccia le ore piccole.

Salvini Da meno di un anno sono segretario cittadino della Lega – scrive -. Eppure, per la seconda volta ho la fortuna di salutare l’ arrivo nella mia città del nostro leader Matteo Salvini”.

Sul tema della giustizia, Matteo Salvini è annunciato per le ore 18 a lungomare, incrocio via Velia. Politicamente sarà interessante comprendere qual è il livello di autonomia della segreteria – che nel frattempo ha perso la sua massima espressione, la europarlamentare Lucia Vuolo – rispetto a scelte e decisioni locali. Ossia se la Lega a Salerno risponderà alla logica dello ‘scacchiare’, di una partita di posizionamenti che continuerà a giocarsi dapprima a Roma e poi a Napoli. E se, quindi, la linea sarà condivisa e accettata a piazza Malta. Ciò in considerazione, ad esempio, della recentissima pubblica affermazione di sostegno del consigliere Dante Santoro nei confronti del candidato a sindaco di altra lista, Antonio Cammarota o di quella precedente del segretario cittadino Rosario Peduto sulla impossibilità di “andare da soli”, pena “le mie dimissioni immediate”.    

Nodi da sciogliere. Certamente non a lungomare, davanti alla prelibata brioche con gelato del bar Nettuno e con la partita dell’Italia che incombe. Sottovoce il consiglio che da Salerno daranno a Salvini sarà di essere abbastanza puntuale. La Lega (anche qui) non ha più lo stesso appeal di un paio di anni fa e nelle agende la priorità è, nettamente, Italia-Belgio delle 21.

Lega-Radicali – In mattinata, alle 10.30, si terrà una conferenza stampa del comitato referendum ‘giustizia giusta’ presso ‘libramente’ in via Francesco Paolo Volpe 34.

Peduto comunica: “Costituito anche a Salerno, da Partito Radicale e Lega, il comitato promotore dei sei referendum sulla ‘giustizia giusta’”.

Rosario Peduto e Donato Salzano, segretario dell’associazione radicale salernitana ‘Maurizio Provenza’, “hanno costituito anche a Salerno il comitato promotore per i sei referendum sulla Giustizia”.

Peduto continua: “Da sempre quelli sulla ‘giustizia giusta’ di Enzo Tortora, Marco Pannella e Leonardo Sciascia, sono temi da un cinquantennio al centro della proposta politica di transizione verso lo ‘stato di diritto’ del partito radicale. Da oggi sono promossi anche dalla Lega di Matteo Salvini. Se volete sono i temi della storia umana e giudiziaria, quindi politica, di un socialista e ‘sindaco galantuomo’ qual é stato ed è, ancora oggi nel ricordo, Vincenzo Giordano. La figlia Rita, appunto per questo, ha accettato di onorare questa nuova battaglia referendaria scegliendo di presiedere il ‘comitato d’onore dei promotori salernitani’.

Nell’occasione della presentazione del comitato, saranno illustrati i sei quesiti referendari e le  iniziative in calendario ma soprattutto i punti fissi di raccolta firme e quelli ‘volanti’ dove tutti i cittadini potranno sottoscrivere le proposte referendarie sulla riforma della giustizia.

Saranno presenti per illustrare i motivi e le ragioni delle loro adesioni al ‘comitato d’onore salernitano’ gli avvocati Luigi Gargiulo presidente della locale Camera Penale e Silverio Sica presidente del Consiglio dell’Ordine; il professore Aurelio Tommasetti emerito rettore dell’università di Salerno e componente segreteria nazionale della Lega; l’onorevole Attilio Pierro consigliere regionale e segretario provinciale Lega; Luigi Cerciello coordinatore campagna referendaria; l’avvocato Dante Santoro, consigliere comunale e provinciale; l’onorevole Guido Milanese di Forza Italia; l’avvocato Fiorinda Mirabile, comitato giustizia del partito radicale ‘Piero Calamandrei’; Fabiana De Carluccio animatrice pagina fb  ‘dove finisce la pena? – fuorni spes contra spem’; l’avvocato Massimiliano Franco dell’associazione ‘Maurizio Provenza’; Gianfranco

Ferrigno presidente Claai; l’avvocato Luciano Provenza fondatore web-tv ‘salotto gastronomico’; l’ingegnere Lucio Milanese; l’avvocato Gino Gassani; l’avvocato Francesco Perretta consigliere comunale a Salvitelle; Enrico Trotta storico leader comitato rione Torrione; il professionista Claudio Pisapia”.