Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – 10 e l’11 giugno 2021. Sono i due giorni calendarizzati dall’Azienda Ospedaliera Universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno per l’espletamento – con regole ferree – della prova scritta relativa al concorso pubblico, per titoli ed esami per la copertura, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, di 160 posti di C.P.S. Infermiere categoria D (con riserva pari massimo al 40% dei posti banditi da destinare ai beneficiari di cui all’art. 35, comma 3 bis, lett. a, D.Lgs. n. 165/2001).

Firmate dal presidente della commissione esaminatrice, sono partite il 20 maggio le lettere di convocazione dei candidati-infermieri. Le prove scritte si terranno presso il Palapartenope di Napoli (via Corrado Barbagallo 115).

Particolarmente restrittive le regole anti-covid. Le lettere specificano il divieto di presentarsi “in caso di temperatura corporea superiore a 37°,5 e brividi; di tosse di recente comparsa; di difficoltà respiratoria; di perdita improvvisa dell’olfatto (anosmia) o diminuzione dell’olfatto (iposmia); di perdita del gusto (ageusia) o alterazione del gusto (disgeusia); di mal di gola”. Vige il divieto di presentarsi preso la sede concorsuale “se sottoposti alla misura della quarantena o isolamento domiciliare fiduciario e/o al divieto di allontanamento dalla propria dimora/abitazione come misura di prevenzione della diffusione del contagio da Covid-19”.

In termini stringenti, il punto 4 sembra andare oltre anche l’orientamento comunitario su cui si basa l’adottando ‘Eu Digital certificate Covid-19’ (o green pass). La missiva obbliga i candidati “a presentare all’atto dell’ingresso nell’area concorsuale coppia cartacea di referto relativo a test antigenico rapido o molecolare effettuato mediante tampone oro/rino faringeo presso una struttura pubblica o privata accreditata/autorizzata in data non antecedente a 48 ore dalla data di svolgimento delle prove. Tale prescrizione si applica anche a coloro che abbiano già effettuato la vaccinazione per il Covid-19”.

Inoltre “i candidati devono, dal momento dell’accesso all’area concorsuale e fino all’uscita, indossare obbligatoriamente ed esclusivamente le mascherine filtranti FFP2 fornite dall’amministrazione, prevedendo in caso di rifiuto l’impossibilità di partecipare alla prova (…); non sarà consentito in ogni caso nell’area concorsuale l’uso di mascherine diverse da quelle date in dotazione”.

Infine, assicurato “il distanziamento interpersonale di almeno 2.25 metri” sarà “vietato il consumo di alimenti ad eccezione delle bevande”.

La Fials Salerno si propone ai candidati quale organismo di accompagnamento per il disbrigo delle pratiche.