Tempo di lettura: 2 minuti


San Mango Piemonte (Sa) – “Amore di papà, tanti ricordi invadono la mia mente: sento la tua voce, tu che mi dici ‘stai tranquillo’…”. Vinicio parla della figlia come se ce l’avesse davanti. Non è il ricordo di chi più non c’è ma la confessione di un genitore che descrive teneramente la sua piccolina: “Ti ho fatto appassionare al calcio: alla Temeraria di San Mango ed hai imparato ad amare la Salernitana; quest’anno, poi, era un continuo: ‘papà – mi dicevi – fai i biglietti che dobbiamo andare al campo perché stavolta andiamo in serie A’. Ma nel tuo cuore c’era anche la Juventus”. Il ricordo si fa intenso: “Domenica sera ho visto Melissa per l’ultima volta in vita. Stava preparando lo zaino per la scuola del lunedì. Era contenta, aveva piacere per gol di Higuain all’Inter. Avevamo prenotato i biglietti per la Champions, per Juventus-Atletico Madrid perché voleva vedere esultare Ronaldo. Va bene, quella partita la guarderai da lassù. Melissa era amata da tutti. Continuate a tenerla nel vostro cuore”.         

Quando Giuseppe, l’amatissimo fratello prende la parola, molti tra le miglia di persone presenti in chiesa, sul grande sagrato e nelle strade limitrofe scoppiano a piangere. Troppo forte l’emozione. Sin dalle prime parole: “Melì, piccolo angelo, mi hai lasciato un dolore che resterà per sempre. Non sono sicuro che sei andata via: ti vedo qui con me a ridere, scherzare, a picchiarmi. Ricordo le litigate che terminavano sempre con uno scherzo. Eri gentile, avevi una parola buona per tutti. Ora ti prego, stammi accanto e dai forza a mamma e a papà. Eri la mia spalla, ora sei nel mio cuore. Sarai sempre per me il mio angelo”.  Stesso effetto alla testimonianza della cugina: “Dovevi essere la zia dei miei figli. Non eravamo solo cugine, eravamo sorelle”. Piccoli ricordi, intimi, che stringono il cuore: “Mi mancherà quando scendevamo dal pullman e mi davi un pugno sul braccio, mi mancherà tutto di te. Mi impegnerò a tifare le tue squadre mentre tu lo farai da lassù. Sei l’angelo di questa famiglia e spero che tu e nonno ci guardiate da lassù. Ciao Meli”.