Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – L’ordine di scuderia è partito: votare Nino. La macchina da guerra del sistema deluchiano accesa in vista delle elezioni regionali si è messa in moto e nel comune capoluogo e centri vicini ha deciso di puntare su un solo nome: Nino Savastano. L’attuale assessore alle Politiche Sociali del Comune di Salerno sarà candidato in Campania Libera, lista di appoggio al presidente uscente Vincenzo De Luca. Esponente del Pd dove saranno già candidati Franco Picarone, Tommaso Amabile e Simone Valiante, Savastano, unico assessore comunale uomo di Salerno che sarà candidato alle regionali ( hanno rinunciato sia Mimmo De Maio che Dario Loffredo) ha scelto la lista civica per mancanza di spazio nel suo partito di riferimento e dove non è candidato uno dei nomi considerati più forti nell’entourage deluchiano ossia Luca Cascone, attuale presidente della Commissione Trasporti che sarà presente nella lista di De Luca Presidente. Tra le donne è ancora in forse la candidatura di Gaetana Falcone, attuale assessore alle pari opportunità. Ma chiunque siano gli altri, il cerchio si stringe attorno al prescelto. “Dare una mano a Nino”: l’ordine del gruppo vicino al presidente e al figlio Piero è di votare Nino, secondo un meccanismo già noto di telefonate e contatti che sposta anche voti da altri consiglieri uscenti, dati già per eletti potendo contare su un bacino di consensi più ampio. Tra questi si ricandida anche il consigliere “ghost” Nello Fiore, il candidato che ha sovvertito tutte le regole della comunicazione pubblica scegliendo di non apparire mai. Volendo dare uno sguardo anche al consiglio comunale di Salerno, tenta l’upgrade alla Regione, Nico Mazzeo che ha aderito ad Italia Viva e sarà tra i candidati nella lista del partito di Matteo Renzi. Ci sta ancora pensando affidando il dubbio ai social il consigliere di opposizione Dante Santoro mentre è quasi certa la  candidatura di Roberto Celano per Forza Italia.