- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Questa mattina nella caserma D’Avossa, in occasione del 158° anniversario dei fatti d’Arme di Custoza, il Reggimento “Cavalleggeri Guide” (19°) ha celebrato la storia del Corpo.

Il 24 giugno 1866, durante i combattimenti della Terza Guerra d’Indipendenza, le “Guide” furono impegnate a contrastare le forze nemiche con numerose cariche, permettendo la ritirata della fanteria italiana che riuscì poi a schierarsi in linea di battaglia. “Per l’ardimento e lo slancio ammirevoli” il reggimento è stato insignito della Medaglia d’Argento al Valor Militare.

La cerimonia ha visto la partecipazione di numerose autorità militari e civili locali, tra cui il Prefetto di Salerno dott. Francesco Esposito. Il Comune di Salerno, nella persona dell’assessore Claudio Tringali, ha voluto omaggiare il reggimento della Bandiera della città, a testimonianza del forte legame tra le istituzioni locali.

Nel suo intervento il Comandante di reggimento, Colonnello Nicola Iovino, ha ricordato l’estremo sacrificio di tutte le Guide che quel giorno offrirono la propria vita per la Patria e per gli ideali di libertà, e che, con coraggio e sacrificio, contribuirono a consolidare gli ideali di unità e indipendenza.

Il Reggimento “Cavalleggeri Guide” (19°) è unità della brigata Bersaglieri “Garibaldi” e ha partecipato alle maggiori operazioni nazionali e internazionali dell’Esercito Italiano. Attualmente il personale del reggimento è impegnato nell’operazione “Strade Sicure” nel Raggruppamento Campania, nell’operazione “Baltic Guardian” in Lettonia, nella “Joint Enterprise” in Kosovo e nell’ “EUTM” in Somalia. Il 1° Gruppo Squadroni, invece, a partire dal prossimo luglio, sarà impiegato nell’ operazione “Leonte” in Libano.