Tempo di lettura: < 1 minuto

Salerno – “Piero De Luca continua a utilizzare il Comune di Salerno come se fosse casa sua”. A scatenare la protesta di Fratelli d’Italia tramite Antonio Roscia, Responsabile Dipartimento Professioni, è stata la riunione svolta all’interno del comune di Salerno con il sindaco Enzo Napoli ed i rappresentanti degli ordini professionali e delle categorie rappresentative del mondo della giustizia per parlare, discutere e decidere della destinazione della sede del vecchio ma prestigioso Tribunale di Salerno. All’incontro era presente Piero De Luca, ma non altri parlamentari del territorio.
Senza vergogna, il Comune di Salerno (che dovrebbe essere la casa di tutti) continua arrogantemente ad essere messo a disposizione del figlio di Vincenzo De Luca, attualmente Governatore della Campania – scrive RosciaNeppure si comprende perché il Sindaco Enzo Napoli non organizzi un tavolo aperto al contributo di tutti i parlamentari salernitani, scegliendo invece come interlocutore solo Piero De Luca”.
Per Fratelli d’Italia, “a Salerno persiste un uso distorto della casa comunale e delle funzioni pubbliche rappresentative di tutti”.