Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – Anche Salerno aderisce con una mobilitazione di massa al Global Strike for future. A Salerno da diversi comuni della provincia fin dalle prime ore del mattina si è riversata un’ondata di studenti così come in contemporanea è avvenuto in oltre 160 città italiane. Il tema è lo stesso in tutto il mondo: fermare il cambiamento climatico. A Salerno il raduno è previsto in Piazza Portanova. In corteo gli studenti hanno attraversato il lungomare cittadino. Tra le parole più gettonate negli slogan sugli striscioni, insieme ad ambiente, anche giustizia. È il frutto della lotta ispirata della giovanissima Greta Thunberg, attivista svedese che ha risvegliato molte, moltissime coscienze ambientaliste. Dopo l’arrivo in piazza Portanova per il concentramento, la marcia ha per via Roma, facendo tappa davanti alla prefettura, si è conclusa alla spiaggia di Santa Teresa.

Il sindaco: “Un corteo sterminato, arriva fino a piazza della Concordia. Il lungomare è pieno di ragazzi per un’azione forte, alta, simbolica, che pesa come idee che gravano sulle scelte della politica e delle industrie. Queste azioni di giovani e giovanissimi valgono più di qualunque altra cosa, perchè di fatto conducono ad una inversione dei criteri del pensiero. Anche se non hanno poteri specifici, queste azioni hanno il potere di far cambiare le idee e credo sia l’azione più forte e formidabile che questo movimento ha messo in moto. Credo e spero che le cose vadano avanti, che la lotta permanga con fermezza, fino ad ottenere una serie di risultati. I Comuni possono fare piccoli gesti simbolici. Noi ora in Consiglio Comunale non useremo più la plastica ma stoviglie compostabili. E’ la cosa minima, più semplice che si possa fare“.