Tempo di lettura: < 1 minuto

Salerno – “Da settembre non è cambiato niente: le scuole erano già pronte a raccogliere gli studenti in presenza, dopo aver passato l’estate a prendere misura ed attuare misure di sicurezza”. È quanto dichiara Alessandro Turchi, presidente dell’associazione Solo Dirigenti e dirigente scolastico del Profagri. Nel giorno in cui la sua scuola festeggia un boom di iscrizioni, nonostante il contesto che, come tutte le scuole si trova vivere, il dirigente scolastico ha tracciato un bilancio del piano operativo con il quale la prefettura di Salerno sta coordinando il ritorno in presenza alle scuole superiori degli alunni in aula. Al Profagri, la scuola di Turchi non ci saranno gli orari differenziati di ingresso per le ultime classi perché come spiega il preside nell’intervista la scuola è articolata in sette piccole sedi dove il numero ridotto di studenti (che entreranno comunque al 50% soltanto in presenza, alternandosi con la dad) non sarà necessario applicare questa ulteriore misura.