Tempo di lettura: 1 minuto

“Non sono mai stato per la via giudiziaria al socialismo. Credo, però, che quando ci sono inchieste, come dire, pesanti, chi é indagato ha l’obbligo di fare chiarezza”. A dichiararlo è Tonino Scala, coordinatore regionale di Sinistra Italiana.

“Quando l’indagato poi é assessore al bilancio di una città importante come Salerno, é figlio del Presidente della Regione e fratello del capolista a Caserta e candidato nell’uninominale nella città dove ricopre questa importante carica, – aggiunge -per fugare ogni minimo dubbio dovrebbe, per una questione non morale ma di opportunità politica, riporre le deleghe nelle mani del Sindaco”.