Tempo di lettura: 2 minuti

Salerno – Riparte l’avventura della Salernitana tra incognite e poche certezze. I tifosi granata si attendevano un ulteriore salto di qualità dopo aver centrato la salvezza anticipata. Le cessioni di Coda, Busellato e Donnarumma sono suonate quasi come un ridimensionamento delle ambizioni di un club che più volte ha rimarcato di aver ambizioni importanti. Concetto che Claudio Lotito ha ribadito alcuni giorni fa sottolineando che la squadra ha tutto per migliorare il risultato dell’ultima stagione. La proprietà ha deciso di proseguire nel segno della continuità affidando nuovamente la squadra a Bollini. Quest’ultimo ha fatto chiaramente intendere di voler lavorare con calciatori motivati e adatti al suo credo tattico al di là dell’età. In granata sono approdati il portiere Adamonis, il laterale Pucino, i centrocampisti Signorelli e Ricci, gli attaccanti Alex, Roberto e Bocalon. Quest’ultimo è il fiore all’occhiello della campagna acquisti granata. L’attaccante avrà il compito di non far rimpiangere Massimo Coda. Per il bomber l’esordio sarà all’insegna delle emozioni forti visto che incrocerà subito l’ex squadra: l’Alessandria. Contro i grigi Bollini schiererà Adamonis, Pucino, Schiavi, Tuia, Mantovani, Odjer, Signorelli, Ricci, Rosina, Bocalon e Sprocati. Quest’ultimo ha recuperato dal piccolo acciacco che aveva messo a rischio la sua presenza nell’esordio in Coppa Italia. Dall’altra parte l’Alessandria risponde con Agazzi, Casasola, Fissore, Pastore, Sestu (Marras), Cazzola, Branca, Iocolano, Marconi, e Fischnaller. In prevendita sono stati staccati tremila tagliandi per il grosso dei biglietti sarà venduto al botteghino dello stadio Arechi. Il calcio d’inizio è fissato per le ore 20.30. Per quanto concerne il mercato arrivano conferme da Pagani sulla trattativa che porterebbe l’attaccante Emanuele Cicerelli in granata e Regolanti in azzurrostellato. Gatto raggiungerà Salerno a metà della prossima settimana mentre Francesco Orlando sarà operato lunedì al crociato anteriore.

Giuseppe D’Alto