Tempo di lettura: 2 minuti

di Giuseppe D’Alto

Salerno – L’appello degli ultras curva sud Siberiano ai tifosi in vista dell’esordio interno stagionale. Due striscioni esposti in piazza Montpellier e in zona-porto, un altro a Bellizzi invitano gli sportivi granata a recarsi in massa all’Arechi in occasione della sfida con la Ternana. Al momento sono quasi tremila le tessere sottoscritte. Una cifra, ancora non definitiva, che rappresenta il dato peggiore delle tre stagioni B della gestione di Claudio Lotito. Il mercato non ha esaltato i supporter granata che si aspettavano ben altri movimenti dopo una salvezza ai play out e un torneo tranquillo. Una graduale crescita avrebbe dovuto portare la Salernitana in lizza per un posticino play off. Bollini ha frenato subito gli entusiasmi parlando di permanenza in categoria come obiettivo da perseguire. Dubbi e scetticismi che sono stati alimentati anche da alcune situazioni gestite in maniera poco chiara dal club. Dagli ingaggi di Adejo e Roberto, subito ricusati, al caso Cicerelli. L’ex calciatore della Paganese non sarà tesserato dopo aver svolto parte della preparazione con il club granata. Nelle prossime ore l’attaccante dovrebbe abbracciare il mentore Gianluca Grassadonia. Perplessità che la Salernitana spera di spazzare via sul campo. L’Unicusano Ternana non è tra le squadre accreditate a un torneo di vertice ma può essere avversario rognoso se non verrà affrontato con la giusta determinazione e con maggiore coraggio in fase offensiva. Bollini dovrebbe riproporre la stessa squadra che ha pareggiato a Venezia. Non saranno schierati dal primo minuti gli ultimi arrivati Rodriguez, Klyne e Di Roberto. Rosina ha recuperato da un piccolo fastidio che l’aveva frenato negli ultimi giorni. Nelle prossime ore si riaggregherà alla squadra Radunovic che è stato spettatore non pagante della vittoriosa sfida della Serbia under 21 su Gibilterra. Da segnalare il pericolo allagamenti in zona Arechi. Le prime piogge hanno già creato problemi nella zona antistante il ‘principe degli stadi’.