Tempo di lettura: < 1 minuto

Salerno – La giustizia amministrativa non si è mai fermata dal momento iniziale fino a quello più acuto della crisi pandemica e continua a lavorare incessantemente e a produrre con maggiore rigore.

A sottolineare il ruolo centrale del giudice amministrativo nella gestione della crisi da coronavirus è stato questa mattina Leonardo Pasanisi, presidente della sezione staccata del Tar Salerno che ha riportato alcuni dei più significativi passaggi compiuti dal tribunale amministrativo.

L’inaugurazione questa mattina dell’anno giudiziario è stata occasione per tracciare un bilancio. Attualmente il Tar Campania avrebbe diritto a 14 magistrati ma sussiste una carenza di organico. Le pendenze totali al 31 dicembre 2020 sono 5765. Per quanto riguarda i tempi della giustizia amministrativa rispetto all’anno precedente si è passati da 143 giorni del 2019 a 110 del 2020. Nelle sue conclusioni il presidente passa Nisi ha spiegato ancora una volta l’attuazione dell’asse terza sezione interna per una programmazione più ragionata e proficua del contenzioso.