- Pubblicità -
Tempo di lettura: 2 minuti

Campagna (Sa)- Arrivano a Campagna in migliaia, da ogni angolo d’Italia, laici e non, credenti e non, per incontrare, pregare e dialogare con il carismatico di Milano, Pino Missaglia, ospite questo weekend del parroco salernitano e angelologo, don Marcello Stanzione.

“I miracoli li compie Dio attraverso la preghiera” –spiega don Stanzione, il parroco e studioso di angeli più famoso al mondo, presidente dell’associazione Milizia di San Michele Arcangelo e parroco della chiesa di Santa Maria la Nova di Campagna, nel salernitano. Dello studio degli angeli don Stanzione ne ha fatto una ragione di vita oltre che di missione, diffondendone il culto e la devozione cattolica in tutto il mondo, finanche tra i più potenti leader politici italiani, parlando dei santi angeli Gabriele, Michele e Raffaele e dell’importanza della preghiera, sui palchi e nelle chiese di tutto il mondo, incontrando studiosi, consacrati, fedeli, laici credenti e non e carismatici, ma anche attraverso i circa mille libri scritti e tradotti in numerose lingue.

L’ultimo volume pubblicato da don Stanzione e in corso di presentazione a Campagna in questi giorni, è “Preghiere di guarigione e liberazione con la Madonna e i Santi” edito dalla casa editrice Ancilla e scritto a quattro mani con il carismatico Pino Missaglia.

Fondatore della Comunità Nostra Signora di Lourdes e San Luigi Orione, il carismatico Pino Missaglia gira le parrocchie di tutta Italia , ospite di sacerdoti e vescovi, per incontrare e pregare per la guarigione fisica e spirituale dei fedeli.
“Il libro -spiega il carismatico oltre alle preghiere, chiarisce di come la Madonna, madre della Chiesa, intercede per concedere miracoli e liberazioni dagli influssi del Demonio”.
Infine, il monito di don Stanzione ai fedeli“pregate e quando potete, affidatevi ai sacerdoti esorcisti ma anche ai santi angeli perché è Gesù, attraverso la Madonna e i Santi, che libera dal maligno e guarisce”.

Di seguito il video con l’intervista al microfono di Anteprima24 a Pino Missaglia e Don Marcello Stanzione.