Tempo di lettura: 2 minuti

Caserta – Tour casertano per Claudio Lotito, candidato di Forza Italia al Senato della Repubblica nel collegio plurinominale Avellino – Benevento – Caserta. Il presidente della Lazio ha partecipato, presso la sede del partito in Corso Trieste, alla conferenza stampa di presentazione dei candidati ai collegi uninominali e plurinominali della Camera e del Senato. In quella sede anche la stretta di mano con il patron della Casertana Giuseppe D’Agostino.

Poi, accompagnato dal coordinatore provinciale di Forza Italia, Gianpiero Zinzi, e dal vice coordinatore Giovanni Schiappa, ha partecipato ad un incontro presso la sede di Confindustria Caserta con il presidente Gianluigi Traettino e la sua Giunta. Il pomeriggio casertano è proseguito con un saluto al Prefetto di Caserta, Raffaele Ruberto, e al Questore Antonio Borrelli. A conclusione, l’incontro con il presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Caserta, Luigi Fabozzi.

Il presidente Lotito – ha dichiarato il Coordinatore provinciale di Forza Italia Gianpiero Zinziè un’istituzione nel mondo del calcio come in quello dell’imprenditoria. Oggi ha avuto modo di apprezzare lo spirito di accoglienza del nostro territorio dove tornerà anche nei prossimi giorni. È un uomo concreto, la sua determinazione e la sua forza di volontà saranno necessarie per affrontare le tante battaglie che i cittadini attendono”.

Dobbiamo riportare la fiducia nei cittadini – ha dichiarato il presidente Lotitoche oggi sono disamorati e non credono più in nulla. Va salvaguardato il diritto alla salute: il nullatenente, se accertato, ha bisogno di sostegno. Chi invece detiene reddito, deve pagare ed è giusto che sia così. Si possono ottenere le risorse mediante l’organizzazione e la motivazione: ho portato queste mie idee nelle mie imprese, perché non è possibile farlo anche nello Stato?! Occorre risparmiare sulla dispersione di denaro, non sulla pelle della gente. Dobbiamo dare la certezza del futuro. Fisco, sicurezza, trasporti, sanità e scuola sono problematiche primarie: la gente è disposta a pagare se poi può usufruire di servizi che funzionano; le tasse vengono viste come un sopruso quando invece non vengono utilizzati per migliore l’efficienza dei servizi. Ci batteremo per far sì che questi punti del programma vengano applicati”.