Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento –  La Cgil di Benevento questo pomeriggio, nel corso di una conferenza stampa, ha sollevato la questione della gestione dell’utilizzo dei fondi erogati dal Ministero dell’Interno (Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione) al Comune di Benevento per intervenire sullo sviluppo della coesione sociale e la gestione dei flussi migratori. La somma erogata, pari a 245.000 euro, non è stata fin ad ora utilizzata per intervenire sulla gestione di tale fenomeno.

Il 16 novembre attraverso un delibera di Giunta, il Comune di Benevento, specificava che tale somma poteva essere liberamente impegnata per progetti di miglioramento dei servizi o delle infrastrutture utili e attesi da tutta la comunità locale al fine di avere una sempre migliore coesione sociale.  Tali somme, si legge nella delibera, non sono vincolate a specifiche destinazioni, in quanto la disposizione normativa è da intendersi quale misura solidaristica dello Stato nei confronti degli Enti comunali che nel corso degli anni hanno accolto i migranti.” 

La Cgil, dunque, accusa la Giunta di aver contribuito alla realizzazione di ghetti sociali:

“Invece di destinare i fondi per l’integrazione dei soggetti destinatari, pare si sia dirottata tale somma da altre parti. Chiederemo conto al Sindaco del dettaglio delle spese per la coesione sociale. Quei soldi – attacca la segretaria della CGIL, Rosita Galdiero – dovevano servire per l’integrazione dei migranti attraverso l’insegnamento della lingua italiana, facendogli conoscere i diritti e i doveri da rispettare nella nostra comunità e favorire l’inclusione con la cittadinanza. E’ facile – conclude Galdiero – per assessori e consiglieri lamentarsi, creare allarme sociale se i fondi destinati al miglioramento delle condizioni di vita di questi soggetti e della loro integrazione vengono poi destinate ad altro”. Mastella invece di concentrarsi sulle feste natalizie, poteva fare qualcosa per gestire meglio tali situazioni”

Nel video l’intervista completa alla segretaria CGIL Benevento, Rosita Galdiero