Tempo di lettura: 3 minuti

Benevento – Saltata la conferenza stampa del Movimento 5 Stelle programmata per questo pomeriggio, uno degli esponenti più in vista tra i grillini sanniti, e cioé Nicola Sguera, consigliere comunale del capoluogo, il più votato alle elezioni di due anni or sono, ha espresso il suo parere sul voto del 4 marzo scorso che ha segnato un vero e proprio spartiacque nella storia del Paese.

Sguera è ovviamente raggiante per il risultato conseguito dal Movimento nel Sannio. Sia alla Camera che al Senato, sfondata ampiamente la quota del 40%.  “Abbiamo portato in Parlamento 3 donne: Danila De Lucia, al Senato, Angela Ianaro e Sabrina Ricciardi” – ha scandito Sguera – “si tratta di un risultato eccezionale”. 

Poi ha aggiunto: “ Provo grande gioia e grande riconoscenza nei confronti dei cittadini che hanno creduto in noi. Il nostro trionfo  è dipeso anche dai nostri attivisti. Come ha detto Di Maio si tratta di una nuova fase della  politica italiana. Ci troviamo  di fronte un quadro profondamente mutato. L’agenda diventa un’altra e noi siamo attrezzati ad affrontarla”.

Sguera ha rimarcato ancora una volta come lavoro e reddito siano stati i temi fondamentali per la vittoria grillina: “Proposte organiche, coerenti e capaci di impattare sulla vita dei cittadini. Decisive per il successo così come la credibilità dei candidati”

Ovviamente il consigliere comunale non ha mancato l’occasione per togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Il primo è per il sindaco del capoluogo. A Mastella, Sguera manda a dire: “Non può dichiararsi solo parzialmente deluso dal voto incassato da Forza Italia in città. Se si aspettava di più, vuol dire che non ha capito di non aver governato bene la Città di Benevento. Mastella deve smetterla di fare il Napoleone di provincia e pensare invece a come fare per concretizzare le promesse lanciate nel corso della campagna elettorale di due anni fa e che finora non ha mantenuto”.

E ancora: “Mastella nella sua conferenza stampa i ieri è stato livoroso. Si era impegnato a fare il sindaco e invece fa il politico. Bisogna saper perdere e loro non l’hanno saputo fare. La verità è che la De Lucia ha surclassato la Lonardo”.

Piccola stoccata anche sul lavoro della giunta: “Quasi in silenzio ha deliberato il compostaggio di comunità, noi l’avevamo proposto un anno fa. Mi viene da sorridere”

L’altro sassolino riguarda sempre un esponente di Forza Italia,  la deputata uscente Nunzia De Girolamo, non eletta né a Benevento né a Bologna: “De Girolamo ha offeso il Movimento 5 Stelle e i suoi elettori in più di una occasione. Ci ha sempre disprezzato con accuse ridicole . Oggi lei non si trova nemmeno in Parlamento a causa di manovre interne  al suo stesso partito. Prevedo ora una notte di lunghi coltelli tra le due anime, chiamiamole così, di Forza Italia, cioè tra il troncone di Clemente Mastella e quello della stessa de Girolamo. Non credo che la De Girolamo si presterà supinamente al ricatto di Mastella”.