Tempo di lettura: < 1 minuto

Gabriele Gravina non ha nascosto la sua preoccupazione per la prossima stagione. Il protocollo attuale è inapplicabile per il presidente federale e qualcosa andrà inevitabilmente rivisto per consentire al campionato 2020/21 di prendere il via. La data del 12 settembre, tuttavia, appare troppo vicina e uno slittamento sembrerebbe essere scontato. La conferma arriva dal presidente della Lega di Serie A, Paolo Dal Pino: “Con il protocollo attuale è molto difficile affrontare l’intero campionato l’anno prossimo con un tampone ogni quattro giorni. Alla luce delle modificate situazioni sanitarie dobbiamo con il Cts definire delle nuove modalità percorribili“. Il massimo campionato, allora, potrebbe seguire l’esempio della serie B che oggi ha stabilito le date per il prossimo anno (via il 26 settembre 2020 e conclusione fissata per venerdì 7 maggio 2021). “Lo slittamento è un’ipotesi che esiste, se di una o due settimane questo non lo so“, ha concluso Paolo Dal Pino, “in teoria l’inizio è il 12 ma stiamo cercando di vedere come possiamo recuperare più tempo perché il calendario è molto stretto in questo modo. Speriamo di guadagnare un po’ più tempo per far riposare le squadre“.