Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Il destino è cambiato da un’estate all’altra. Da perni ai quali aggrapparsi per provare a centrare la salvezza, a zavorre di cui liberarsi per alleggerire il bilancio. In un solo anno è cambiata totalmente la percezione intorno a Kamil Glik e Gianluca Lapadula. Un mondo che si è ribaltato per colpa della retrocessione e che costringerà Pasquale Foggia a operare in uscita prima di regalare a Fabio Caserta gli acquisti necessari per affrontare il campionato di serie B.

Per il difensore e l’attaccante gli estimatori non mancano, bisognerà solo capire chi vorrà accollarsi i pesanti ingaggi del polacco (2,5) e dell’italo-peruviano (1,7). Una mano al direttore sportivo giallorosso potrebbero darla le competizioni estive. Glik disputerà l’Europeo con la Polonia, inserita nel girone E insieme a Spagna, Svezia e Slovacchia. La formazione di Paulo Sousa debutterà lunedì alle 18 a San Pietroburgo contro Hamsik e compagni.

Lapadula ha invece convinto il ct Ricardo Gareca a convocarlo per la Copa America che si giocherà in Brasile. I padroni di casa, insieme a Colombia, Ecuador e Venezuela, saranno gli avversari della Blanquirroja nel raggruppamento A della competizione. Parlando al “Torme“, quotidiano peruviano, Pasquale Foggia ha ammesso la possibilità di un addio di Lapadula dopo una sola stagione: “Sono contento per quello che sta vivendo con la sua nazionale. Gianluca è un ragazzo eccezionale, un vero leader. Ha fatto benissimo in Serie A e se dovesse arrivare una buona offerta la accetteremo. Per il momento non c’è ancora nulla di ufficiale”.

Le Nazionali potrebbero, dunque, aiutare il direttore sportivo giallorosso ad alleggerire il monte ingaggi del club. Partenze necessarie dopo le separazioni da Gori, a cui è stato prospettato di entrare a far parte dello staff tecnico, Hetemaj e Viola, tutti in scadenza di contratto. Al conto bisogna aggiungere Depaoli, Caprari e Iago Falque, destinati a rientrare alle squadre di appartenenza per fine prestito. In bilico rimangono Tuia, in scadenza il 30 giugno ma con concrete possibilità di rinnovo, e Gaich, verso il rientro al CSKA Mosca. Quello che Foggia consegnerà nelle mani di Caserta, insomma, sarà un Benevento profondamente rinnovato, e alleggerito nei costi, rispetto all’ultima stagione.