Tempo di lettura: 2 minuti

Foglianise (Bn) – Il maltempo presenta il conto al Sannio. Acqua e vento imperversano e ad aumentare sono i disagi, come capitato, ad esempio, a Foglianise. In via San Rocco le strade si sono trasformate in fiumi di fango e la protesta è partita sugli immancabili social. A sollevare la questione è stata LiberaMente Foglianise con un post che riportiamo integralmente.

“Via San Rocco. I cittadini sono esasperati!!

Non è possibile vedere le proprie strade diventare vere e propri fiumi di acqua. Non è possibile che ogni qualvolta piova e si evidenzia questo problema, non si faccia nulla poi per risolvere quello che è un vero e proprio disagio.

C’è un problema abbastanza importante, sembra quasi che non si voglia porvi “volutamente” rimedio!

È stato chiuso un vallone e le acque non hanno dove incanalarsi e sfociare. Quindi si riversano in proprietà private con una grossa portata, mettendo in serio pericolo i residenti e le proprie abitazioni.

Il pericolo aumenta anche per chi transita lungo via San Rocco, a causa del fondo stradale non regolare caratterizzato da smottamenti e accumulo di acqua.

Cosa debbono fare i cittadini per avere un minimo di attenzione? Cosa?? Chi aiuterà queste famiglie a sopperire ai danni?

Quando questa Amministrazione si accorgerà della cattiva gestione del paese che tristemente vanta, sarà sempre troppo tardi!!

Non ci si può sempre e solo appellare agli eventi eccezionali. La scusante oramai nota e famosa è sempre la stessa. Assumetevi la responsabilità del vostro operato! Se non si fa nulla per risolvere questo problema o quantomeno per contenerlo, non ci si potrà appellare alla oramai triste risposta che puntualmente arriva dopo una pioggia o un incendio.

Come prassi, finita la pioggia, si provvederà a stanziare un budget, a chiamare qualcuno per pulire le strade e a pagarlo, pensando di aver risolto il problema e ringraziandolo con tanto di book fotografico.

La famosa prevenzione del rischio idrogeologico. Su questo bisognava lavorare. Ma forse chiedevamo troppo.

Sottolineiamo che sono foto attuali di oggi, di ora!!”