Tempo di lettura: 2 minuti

Caserta – A Terni per la Casertana è arrivata una sconfitta pesantissima, eppure i campani di mister Guidi nel primo tempo hanno dimostrato di poter tenere bene il campo creando grattacapi al portiere di casa Iannarilli: “E’ davvero un peccato per come è andata. L’avevamo approcciata bene, ritrovandoci immeritatamente in svantaggio a fine primo tempo – ha dichiarato l’allenatore rossoblu – Purtroppo il calcio è questo, soprattutto quando affronti squadre di questo spessore che ai primi due tiri ti fanno gol. Sappiamo che in sfide come queste gli errori devono essere pari a zero”.

Finale di partita –Non mi sono piaciuti gli ultimi venti minuti. Una volta preso il quarto gol qualcuno ha smesso di giocare. Questo non va bene. Anche nelle sconfitte la gara va portata fino in fondo. Troppo facile essere forti quando le cose vanno bene. Questa squadra ha sempre mostrato un grande spirito, reagendo al cospetto di ogni difficoltà; oggi invece, a un certo punto, qualcuno ha smesso di giocare e questo mi ha fatto innervosire. E sarà motivo di confronto con i ragazzi. Non è tanto la sconfitta con la Ternana, che può starci”.

Riscatto – “Dobbiamo ripartire dal primo tempo. Ma nei momenti negativi dobbiamo saper reagire e continuare a giocare, accettando anche un risultato amaro. Venire a Terni ad imporre il proprio gioco, mettendo sulla difensiva la Ternana, non è da tutti. Spiega l’approccio ed il gioco che stanno esprimendo questi ragazzi”.

Analisi – “Le abilità dei singoli avversari hanno fatto la differenza. Ma il primo tempo era stato buono. Eravamo stati ripetutamente pericolosi, tirando in porta più della Ternana. Loro negli unici due tiri c’hanno fatto due gol. Ma queste sono le grandi squadre. Noi avremmo dovuto continuare anche nella ripresa con lo stesso piglio. Prendere in apertura di ripresa il 3-1 ha affossato il nostro furore. Da lì è cominciato quello che non voglio vedere. Negli ultimi venti minuti molti avevano mollato. Questo è un segnale che non tollererò e prenderemo dei provvedimenti. Non è la nostra mentalità. Da questa partita possiamo imparare tantissime cose. Quando abbiamo giocato come sappiamo, abbiamo messo in difficoltà una squadra che sta dominando contro tutti”.