Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Sono allarmanti i dati sui nuovi contagi da Covid tra Napoli e Provincia. Dopo l’istituzione di una mini zona rossa a Sant’Antonio Abate si continuano a registrare nuovi contagi da coronavirus nel Napoletano.

Solo nelle ultime ore si contano 7 nuovi casi ad Acerra, uno a Casoria ed uno a Volla, mente oggi la città di Napoli arriva a registrare ben 61 attuali positivi. Tra ieri ed oggi sono numerosi i comuni della città metropolitana a registrare nuovi casi tra questi vi sono anche Cercola, Melito di Napoli, Sant’Anastasia ed Ottaviano dove il sindaco, Luca Capasso, ha disposto persino l’obbligo di mascherina all’aperto di sera. La grande maggioranza degli ultimi casi da Covid nel Napoletano è da ricollegarsi a giovani e giovanissimi di rientro da vacanze fuori Regione o addirittura fuori Italia.

Mentre, è notizia dell‘ultim’ora, di altri due casi a Castellammare di Stabia, riconducibili al focolaio vesuviano. “Si tratta – spiega il sindaco stabiese, Gaetano Cimmino di un 57enne e di una 19enne, entrambi collegati al focolaio ormai noto di queste ore: il primo è ricoverato al Cotugno, la seconda è attualmente in isolamento domiciliare insieme al suo nucleo familiare”.

Tra le notizie negative, però, c’è anche un aggiornamento positivo il comune di San Giorgio a Cremano è tornato Covid Free.  “Per fortuna – spiega Giorgio Zinno, sindaco del comune alle porte di Napoli Est – oggi posso dirvi che l’unica persona che era ancora affetta da Coronavirus è guarita e quindi San Giorgio a Cremano è tornata ad essere città a ‘zero contagi’”.

Purtroppo, però, le comunicazioni istituzionali dei restanti primi cittadini del Vesuviano sono tutt’altro che rosee. Dopo i sette casi positivi registrati ieri ad Acerra oggi, a quanto rende noto il sindaco Raffaele Lettieri, l’Asl Napoli Nord 2 ha interdetto l’accesso alla Clinica Villa dei Fiori per le necessarie procedure di sanificazione.
L’Asl – spiega Lettieri – sta proseguendo gli accertamenti per individuare le persone potenzialmente esposte”.

Non abbassiamo la guardia – racconta invece il sindaco di Casoria, Raffaele Bene, annunciando un nuovo caso nella sua comunità – e continuiamo a tenere comportamenti responsabili soprattutto indossando le mascherine nei luoghi chiuso”.