Tempo di lettura: 2 minuti

Napoli – Nove fendenti ai polmoni non hanno lasciato scampo a Ornella Pinto, 39 anni, uccisa dal compagno, Pinotto Iacomino, 42 anni, all’alba di oggi a Napoli con 12 coltellate soprattutto al torace, sette a sinistra e otto a destra. Lo rivela una nota emessa dall’azienda ospedaliera Cardarelli, l’ospedale dove i medici hanno tentato invano di salvarle la vita.

“Nonostante gli sforzi di tutto il personale che ha sin dal primo momento cercato di salvare la vita della giovane donna giunta in pronto soccorso in codice rosso a seguito di un accoltellamento, la paziente è deceduta alle 10.35 di oggi (sabato 13 marzo 2021) – scrive il nosocomio – il decesso è sopraggiunto per un arresto cardiaco al termine di un delicato intervento mediante il quale le e’quipe del Trauma Center e di Chirurgia Toracica hanno cercato di risolvere nove le profonde lesioni polmonari”. La direzione strategica Cardarelli, attraverso il dg Giuseppe Longo, “esprime grande dolore per la perdita di questa giovane vita”.

“L’ennesimo episodio di aggressione e omicidio nei confronti di una donna – sottolinea Longo – un gesto vile e di una brutalità inaudita. Fatti come questo dovrebbero spingerci a una riflessione profonda su quanto sta accadendo. Siamo vicini alla famiglia di questa giovane madre e a tutte le donne”.