Polfer Campania, controlli nel week-end: il resoconto del “rail safe day”

Polfer Campania, controlli nel week-end: il resoconto del “rail safe day”

Tempo di lettura: 5 minuti

Per garantire un livello costantemente elevato di sicurezza nell’ambito della stazione ferroviaria di Napoli Centrale, il Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania ha intensificato già da tempo i servizi di prevenzione e  di controllo del territorio mediante la realizzazione di dispositivi di sicurezza i quali, grazie al restringimento degli accessi, convogliano tutti coloro che entrano nello scalo ferroviario verso i varchi presidiati dalle pattuglie della Polfer.  In questo modo i sospetti possono essere più agevolmente individuati e  controllati presso i desk brandizzati con il logo della ferroviaria, vere e proprie postazioni mobili  che facilitano gli operatori nei controlli in banca dati operati con i palmari e nella verifica dei bagagli, realizzata anche attraverso i metal detector.

Con l’operazione RAIL SAFE DAY, disposta dal Servizio Polizia Ferroviaria su scala nazionale, giunta ieri alla sua undicesima giornata nel 2018, il dispositivo è stato esteso alle principali stazioni campane ed i controlli sono stati indirizzati anche al contrasto di quei comportamenti impropri ed anomali  che sovente sono all’origine degli incidenti in ambito ferroviario.   

I dispositivi di servizio approntati  hanno permesso di conseguire, nell’ultimo fine settimana, i seguenti risultati complessivi:

  • Nr. 2530 persone identificate
  • Nr. 796 bagagli a seguito di viaggiatori controllati
  • Nr. 2 persone arrestateNr. 9 persone denunciate all’A.G.
  • Nr. 13 sequestri amministrativi
  • Nr. 22 sanzioni amministrative
  • Nr. 66 treni scortati

Sul piano della repressione dei reati sono stati nove i denunciati, tra i quali, in particolare: B.S. tunisino classe 1976, in concorso con i due egiziani, I.A.H., classe 1999, e H. M. del 1998,  sottoposti ad indagini per il reato di rapina aggravata dall’uso di sostanze soporifere. Sempre a Napoli sono  stati controllati e denunciati: S.M. trentaquattrenne indiano irregolare sul territorio nazionale;  A.R., di anni 29, deferito all’A.G. per interruzione di pubblico servizio, per aver azionato il freno d’emergenza a bordo di un regionale senza che ne ricorressero i presupposti; A.A. pregiudicato napoletano del 1953 inottemperante al foglio di via obbligatorio del Questore. Per quest’ultimo motivo, in provincia di Caserta sono stati deferiti in stato di libertà  un uomo ed una donna. Nel corso dei citati controlli straordinari nelle stazioni di Napoli Centrale e di Salerno particolarmente intensa è stata inoltre  l’attività di contrasto ai venditori abusivi  con tredici persone contravvenzionate e 48 accendini e 248 paia di calzini, già pronti per questa tipologia di vendita molesta, sottoposti a sequestro amministrativo.

BATTIPAGLIA

RAPINA UN CAPOTRENO ARRESTATO DALLA POLIZIA FERROVIARIA

Gli uomini del Posto Polizia Ferroviaria di Battipaglia hanno dato esito ad un’ordinanza di applicazione della  misura cautelare degli arresti domiciliari per un giovane pregiudicato campano che, il 4 ottobre scorso, si era reso responsabile di  una rapina ai danni di un capotreno.

Approfittando della temporanea discesa del ferroviere per coordinare la fermata dell’Intercity  nella stazione di Battipaglia, il delinquente si era introdotto furtivamente nello scompartimento riservato al personale di bordo  e si era appropriato di un borsello che conteneva, tra le altre cose, il tablet di servizio. Il capotreno,  dal marciapiede, aveva però colto l’insolita presenza e si era diretto verso il giovane che, nel fuggire, aveva perso lo zaino che aveva in spalla. Per recuperarlo era  ritornato sui suoi passi ed aveva aggredito fisicamente il ferroviere, per poi allontanarsi  definitivamente guadagnando l’uscita della stazione.  

Le indagini, condotte dagli uomini della  Polizia Ferroviaria, hanno preso spunto dalle dichiarazioni della vittima, che a causa delle lesioni patite nell’aggressione si era poi  sottoposto alle cure del pronto soccorso del locale nosocomio, e di un testimone, presente in stazione, che aveva assistito alla scena. Grazie alla descrizione fornita da entrambi, i sospetti degli investigatori si erano immediatamente concentrati su M.M., ventiduenne residente ad Agropoli, che pochi giorni prima, nella stazione di Battipaglia, era stato sorpreso e denunciato dagli stessi poliziotti perché trovato in possesso di un coltello e di una chiave esagonale in uso alle ferrovie per l’apertura degli scompartimenti, non di libera vendita, strumento noto alla Polfer proprio perché utilizzato dai cosiddetti L.O.F. ovvero Ladri Operanti in Ferrovia. I sospetti sono divenuti certezze quando l’uomo è stato riconosciuto nei filmati degli impianti di videosorveglianza ed in sede di individuazione fotografica, da parte del capotreno e del testimone oculare. Sulla base degli elementi raccolti la Sezione G.I.P./G.U.P. Tribunale di Salerno ha emesso l’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del rapinatore. Nel corso dell’esecuzione i poliziotti del Compartimento Polfer  operanti hanno anche rinvenuto e sequestrato il maglione indossato per commettere il reato.

SALERNO: RUBA NEGLI SPOGLIATOI DEI FERROVIERI, ARRESTATO

Nel corso dei controlli una pattuglia della Sottosezione Polizia Ferroviaria di Salerno ha sorpreso P.J., pregiudicato italiano, classe 1972, nei  locali, adibiti a spogliatoio, di una palazzina delle Ferrovie ubicata all’interno della stazione di Salerno. L’uomo è stato colto nella flagranza del reato di furto aggravato in quanto, dopo essersi introdotto nello stanzino ha divelto le ante di diversi armadietti ivi presenti e si è appropriato di vari oggetti in essi contenuti, indossando alcuni capi di abbigliamento  ed occultando altre cose nelle tasche.  L’uomo è stato sottoposto all’obbligo di firma in attesa del giudizio con rito abbreviato che si terrà il 16 dicembre prossimo.

 

 


Commenti