Tempo di lettura: 3 minuti

Benevento – E’ un punto dal retrogusto amaro per la Salernitana che passando in vantaggio al Vigorito aveva fiutato l’impresa. Le pagelle dei granata dopo il match con la Strega

Micai 6: Al di là del gol subito, non ci sono episodi in cui viene chiamato in causa. Soffia tre volte la sfera sulle conclusioni di Insigne e Improta che potrebbero valere il 2-1 giallorosso.

Aya 6: Gara molto fisica del centrale prelevato dal Pisa, già a suo agio nella retroguardia granata. La perla della sua serata è il salvataggio su Sau in avvio, decisivo per evitare il gol del vantaggio sannita. Sfortunato in occasione del gol subito.

Migliorini 6,5: Gara attenta la sua, non va mai in affanno e tiene a bada Coda nel migliore dei modi dal primo al novantesimo. 

Jaroszynski 5,5: Dei tre centrali è quello più in difficoltà, complice la presenza di Insigne e l’ammonizione rimediata in apertura che lo costringe a giocare con qualche preoccupazione di troppo.

Lombardi 7: Grande voglia di rivalsa, ottima condizione fisica. L’esterno viterbese dà il meglio, sfiora il gol e fornisce l’assist per il vantaggio dei suoi a inizio ripresa. (40’st Lopez: s.v.)

Akpa Akpro 7: A centrocampo domina per almeno 70 minuti, finché la benzina non inizia a diminuire. La sua fisicità mette in seria apprensione Viola, in una delle sue serate peggiori. 

Dziczek 6,5: Ordine e pulizia al centro del campo. Le migliori azioni della Salernitana si sviluppano sulle fasce, ma il suo lavoro resta essenziale. 

Maistro 6: Gioca alla pari il confronto con Hetemaj, mostra un po’ di nervosismo nel primo tempo quando rischia la doppia ammonizione. Ha una ghiotta occasione, ma Montipò è attento. 

Kiyine 6,5: Ha talento ed è risaputo, sfida Maggio che con esperienza lo contiene e ne limita il raggio d’azione. Se la cava bene anche in fase difensiva (31’st Cicerelli s.v.: Ha poche chance di affondare il colpo nei minuti finali)

Djuric 6,5: Di testa le prende tutte lui, e riesce a indirizzarle dove vuole. Il gol è da rapace d’area, proprio la caratteristica che gli rimproverano di non avere. 

Gondo 6: Si muove bene, sfiora due volte il gol nel primo tempo ma rischia il rosso nella ripresa. Ventura se ne accorge e lo sostituisce. (28’st Giannetti 5,5: Pochi palloni toccati, ma è comprensibile. Quando entra la Salernitana ha già deciso di accontentarsi).

All. Ventura 6,5: Squadra tonica, pimpante, che sa come esprimersi. Se giocano sempre così i granata possono puntare alla promozione diretta. 

QUI LE PAGELLE DEL BENEVENTO