Tempo di lettura: < 1 minuto

Salerno – A 14anni e due mesi dalla firma in Comune del Protocollo d’Intesa istituzionale per il finanziamento e la realizzazione del progetto “Porta Ovest”, i salernitani possono conoscere la proiezione ortografica dell’ultimo tratto: il collegamento attraverso viadotto tra i due tunnel e l’autostrada nell’area del Cernicchiara.    

Alle ore 18.45 del 6 luglio 2007, era un venerdì, apposero le proprie firme Fulvio Bonavitacola, allora Presidente Autorità Portuale di Salerno; Ennio Cascetta, allora Assessore ai Trasporti Regione Campania; Vincenzo De Luca, allora Sindaco di Salerno; Antonio Di Pietro, allora Ministro delle Infrastrutture.

La proiezione ortografica prevede una rampa di collegamento tra la corsia nord all’uscita dell’ultima galleria con l’area delle gallerie e la sistemazione dell’attuale svincolo. Prevista una grande rotatoria nell’area dei campi di gioco e dell’ingresso della cava che l’ambirà l’area del distributore di carburante.    

Il 6 settembre 2021 il Governatore Vicenzo De Luca aveva illustrato il futuro di un’opera mai conclusa. “La Regione ci mette altri 60 milioni”.