Tempo di lettura: 2 minuti

Avellino – Dopo settimane d’attesa sono stati pubblicati i bandi per il commercio. Il Comune di Avellino con il presente bando intende concedere agevolazioni finanziarie a fondo perduto, pari al max 70% delle spese ammissibili, sulla base di una procedura valutativa delle domande presentate, così come previsto dall’art. 5 del D.Lgs. n°123/1998, per interventi di supporto alla nascita di nuove imprese ed al consolidamento di quelle già costituite da non più di 24 mesi

BANDO COMPLETO (CLICCA QUI)

BANDO 1 (1,2 MILIONI DI EURO) 

Il bando si rivolge a MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE2 da costituirsi o già costituite da non più di 24 mesi, che avviano o potenziano un’attività nelle strade del territorio comunale, ricompreso negli ambiti urbani strategici del P.I.C.S. (ACCESSI ALLA CITTA’: ambito urbano strategico Valle e Viale Italia Ingresso OVEST della città,– ambito urbano strategico Borgo Ferrovia – via Francesco Tedesco – ingresso EST della città, LA CITTA’ STORICA) ed in particolare nelle strade individuate nell’Allegato 1 “Localizzazione dell’investimento oggetto di sovvenzione”, con priorità a imprese giovanili, femminili e soggetti svantaggiati, nelle filiere culturali, turistiche, creative, agroalimentari e artigianali e con particolare riferimento ai settori strategici dell’economia campana (RIS3 Campania). 

BANDO 2 PER IL SOCIALE (940 MILA EURO)

Il bando si rivolge a MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE2 da costituirsi o già costituite da non più di 24 mesi,che avviano o potenziano un’attività nelle strade del territorio comunale, ricompreso negli ambiti urbani strategici del P.I.C.S. (ACCESSI ALLA CITTA’: ambito urbano strategico Valle e Viale Italia Ingresso OVEST della città,– ambito urbano strategico Borgo Ferrovia – via Francesco Tedesco – ingresso EST della città, LA CITTA’ STORICA) ed in particolare nelle strade individuate nell’Allegato 1 “Localizzazione dell’investimento oggetto di sovvenzione”, con priorità a imprese giovanili, femminili e soggetti svantaggiati, nelle filiere culturali, turistiche, creative, agroalimentari e artigianali e con particolare riferimento ai settori strategici dell’economia campana (RIS3 Campania).