Tempo di lettura: 2 minuti

Ariano Irpino (Av) – In tre avevano progetto il piano per evadere dal carcere del Tricolle. Un piano perfetto che ha visto il taglio delle sbarre e le classiche lenzuola annodate per calarsi giù. I tre non hanno fatto i conti con l’attenta vigilanza della Polizia Penitenziaria che ha fermato l’atto criminoso. L’annuncio arriva, attraverso una nota stampa, da parte Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe.

“Nella serata di ieri una brillante operazione della Polizia Penitenziaria in servizio alla Casa Circondariale di Ariano Irpino scopre e impedisce una imminente evasione dal Penitenziario. Era tutto pianificato e pronto, sicuramente nella nottata si sarebbe verificata la fuga, le inferriate alla finestra della cella erano già segate ed era stata anche confezionata una corda di circa 13 metri utilizzando strisce di lenzuola – ammette Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del SAPPE -. Il tutto in una cella del Padiglione vecchio al primo piano occupata da tre detenuti un africano, un rumeno ed un salernitano omicida con una lunghissima pena definitiva da scontare. Tutti assegnati per motivi di ordine e sicurezza da altri istituti della Regione e come capita ultimamente scaricati ad Ariano vero e proprio carcere di frontiera per le numerose criticità che vive e denunciate dalla scrivente in particolar modo per carenze strutturali e di organici”.