Far West in Valle Caudina, il Gup manda a processo tre imputati

Tempo di lettura: 2 minuti

San Martino Valle Caudina (Av) – Tutti a giudizio i presunti autori del doppio raid a colpi di pistola avvenuto nella serata del 13 ottobre scorso tra San Martino Valle Caudina e Cervinara. Lo ha deciso il Gup del Tribunale di Avellino Marcello Rotondi, che ha acolto la richiesta di rinvio a giudizio avanzata da parte della Procura di Avellino.

Il processo inizierà davanti al collegio presieduto dalla dott.ssa Matarazzo il prossimo 5 luglio. I fatti risalgono alla sera del 13 ottobre 2018 quando, nei comuni di Cervinara e San Martino Valle Caudina , a distanza di pochi minuti, si erano verificati due agguati, entrambi commessi con una pistola calibro 9. Per queste due vicende, su cui in poche ore era arrivata l’identificazione dell’autore, il pm che ha coordinato le indagini dei Carabinieri, il sostituto procuratore Paola Galdo, ha infatti chiesto il rinvio a giudizio dei due indagati. La Procura aveva anche ottenuto un arresto bis, sulla base dell’accusa di tentato omicidio.

L’accusa contestata resta quella di tentato omicidio. Per il terzo imputato, C.D.M, unico per cui si procede a piede libero, l’accusa è quella di aver concorso nelle sole lesioni del 23enne di Cervinara. In effetti stando a quanto appurato dalle indagini dei Carabinieri della Compagnia di Avellino.