Tempo di lettura: 3 minuti

Caserta – Questa mattina, su delega del Presidente Giuseppe Conte, ho incontrato il sindaco di Caserta Carlo Marino in vista del voto al ballottaggio, che non è solo amministrativo ma che per noi assume soprattutto un alto significato politico“. E’ quanto afferma in una nota il senatore casertano del Movimento Cinque Stelle Agostino Santillo, che annuncia di aver siglato un’intesa programmatica con Marino, esponente di Pd sostenuto dal centrosinistra, che domenica e lunedì sfiderà al ballottaggio il candidato sindaco di Lega e centrodestra Gianpiero Zinzi. Un’intesa, spiega Santillo, vicepresidente del Gruppo M5S al Senato, “che ha innanzitutto un’esigenza comune: frenare l’avanzata della destra sovranista e populista che oggi, più che mai, rappresenta un pericolo per il Paese ha prima”.
I Cinque Stelle non hanno presentato candidati alle elezioni comunali di Caserta; nei mesi scorsi ci fu un dibattito interno al Movimento sull’opportunità di candidarsi a sostegno di Marino, come fatto a Napoli con Manfredi, ma fu presa la decisione di non presentarsi. Dopo il primo turno di elezioni però, Marino – giunto primo con il 35% delle preferenze – ha aperto su vari temi, anche per provare ad allargare il perimetro della coalizione e assicurarsi la vittoria al ballottaggio su Zinzi; Marino ha lanciato un appello alle forze progressiste e ai candidati sindaco espressione di liste civiche usciti sconfitti al primo turno, ma nelle ultime ore ha ricevuto il “no” agli apparentamenti. Oggi riceve però il sostegno dei Cinque Stelle, che giudicano positiva “l’apertura di Marino ai temi del Movimento“. “Abbiamo avuto un colloquio molto sincero e costruttivo“. dice Santillo. “Carlo Marino – aggiunge – si è impegnato a recepire, all’interno del proprio programma amministrativo, alcuni punti programmatici che il Movimento ritiene indispensabili per il futuro di Caserta: più attenzione alle periferie, maggiore impegno sulle politiche sociali, transizione energetica, area Macrico F2, delocalizzazione del Biodigestore ed efficiente gestione dei fondi Pnrr. È evidente che l’impegno così chiaro sui temi, non può che rappresentare l’orientamento ideale per l’elettorato pentastellato”.

Frenare la destra populista e sovranista che si nasconde dietro la Lega Nord di Zinzi e Salvini , questo l’obiettivo comune che ci siamo dati oggi con il MoVimento 5 Stelle“. Così il sindaco uscente di Caserta Carlo Marino (esponente Pd sostenuto dal centrosinistra), che domenica e lunedì sfiderà al ballottaggio il candidato sindaco di Lega e centrodestra Gianpiero Zinzi, commenta l’intesa programmatica siglata stamane con il Movimento Cinque Stelle, che pur non essendosi presentato alle elezioni comunali di Caserta, ha deciso di sostenere Marino al secondo turno dando precisa indicazione di voto ai propri elettori. “Nel corso dell’incontro che si è svolto questa mattina al Forum Caserta – spiega Marino – ho parlato con il senatore Agostino Santillo, delegato dal leader dei 5 Stelle Giuseppe Conte, e il deputato Giuseppe Buompane, della situazione politica del capoluogo. Il mio impegno è quello di recepire all’interno del programma di governo dei prossimi cinque anni le istanze che il Movimento 5 Stelle in fatto di maggiore attenzione alle periferie, transizione energetica, corretta gestione dei fondi del Pnrr, la possibilità di delocalizzazione del biodigestore, Macrico F2 verde pubblico e, soprattutto, verso le politiche sociali che vanno rafforzate e implementate. Sarà fondamentale l’apporto dei Cinque Stelle, con cui vogliamo condividere un percorso programmatico e amministrativo volto soprattutto alla tutela dei più deboli e dei nuovi poveri a cui già tanto lavoro abbiamo dedicato in questi ultimi anni”.