- Pubblicità -
Tempo di lettura: 3 minuti
Aver saputo riscoprire le tradizioni, promuovere il proprio territorio e la comunità, innovare prodotti e processi per costruire il futuro. Sono i tre principali criteri attraverso i quali, anche in provincia di Salerno, verrà selezionata, nella semifinale che mette in sfida venti imprese scelte in tutto il tutto il Sud Italia, la finalista che si contenderà il prossimo 15 dicembre a Roma il Premio Cambiamenti 2023. Per la prima volta la provincia di Salerno ospita le qualificazioni del grande concorso nazionale, promosso da CNA, che scopre, premia e sostiene le migliori imprese italiane nate negli ultimi cinque anni (dopo il 1° gennaio 2019). L’evento verrà ospitato domani, 21 novembre alle ore 17, presso Centro per l’Artigianato Digitale, in viale Francesco Crispi a Cava de’Tirreni. Già a lavoro per visionare le venti startup semifinaliste, 11 provenienti dalla Campania, 8 dalla Puglia ed una Basilicata, la giuria composta da Alex Giordano, docente di Marketing e Trasformazione Digitale 4.0 presso il Dipartimento di Scienze sociali dell’Università Federico II di Napoli ed uno dei principali esperti di Social Innovation, Agritech e Digital Transformation applicata al settore agroalimentare, Amleto Picerno Ceraso, architetto, fondatore e CEO del CAD e di Medaarch, Enrico Vellante, presidente CNA Hub 4.0 – Campania Nord – Digital Innovation Hub della Confederazione Nazionale Artigiani e Piccole e Medie Imprese, Raffaele De Sio, Segretario Generale della Camera di Commercio di Salerno, Daniela Marchese, coordinatore digitale Pid Basilicata.
Sarà presente anche Luca Iaia, responsabile Marketing CNA nazionale e Simona Paolillo, segretario CNA Salerno. Cambiamenti 2023 ha l’obiettivo di riconoscere il merito e offrire occasioni di confronto e visibilità a quelle imprese che con la loro attività rappresentano ogni giorno il meglio dell’Italia e rendono il Paese competitivo. Lo scorso 30 settembre si sono chiuse le iscrizioni alla settima edizione con un nuovo record di 1132 neo-imprese che hanno deciso di candidarsi al concorso. La tappa salernitana è tra i dieci eventi territoriali di qualificazione alla finale nazionale che si tengono a livello regionale o di area e che da Nord a Sud, hanno il compito di scovare le migliori start up di ciascun territorio. Ricco e variegato, a conferma della vivacità dei neo imprenditori italiani, il campo di attività abbracciate dalle finaliste: BDigit srl start-up innovativa Benefit, Ecologico2, Egreenbox srl, Fitporn SRL , Ideativita S.r.l. M, ImDEA, MADEINTERRA SRL , Managify srl, NANALEO CLOTHERAPY SRLs, Podmaker srl m, PROFADVISOR S.R.L.S., Rithema Srl, Sanidrink s.r.l., Sano e Sazio, Spun s.r.l. , TAMLAB SRL – Impresa Sociale, TeamDifferent Technologyshop SRLs, Virtual Factory S.r.l., WeShort.
La scelta di essere qui – ha dichiarato Lucio Ronca, presidente di CNA Salerno – ci rende orgogliosi soprattutto perché rende omaggio alla vivacità imprenditoriale e all’attenzione ai processi di innovazione che stanno animando il mondo imprenditoriale e che stanno imprimendo una direzione diversa anche nel Sud Italia”.