Tempo di lettura: < 1 minuto

Salerno – Circa 200 alberi abbattuti, 80 auto danneggiate e diverse strutture come la palestra Palumbo, il Pattinodromo, la piazzetta davanti alla scuola Carlo Alberto Alemagna, il Parco del Galiziano e anche il muro di un’abitazione che è stato sventrato. Non c’è ancora una stima definitiva dei danni, ma il sindaco Vincenzo Napoli, nel fare un bilancio di quanto accaduto ieri quando la città di Salerno è stata attraversata da un tornado,  ha sottolineato che la forza del vento è stata tale da avere la meglio anche su pali in cemento e fortificati come quelli dell’illuminazione pubblica, a testimonianza che non è colpa del cattivo stato di salute o della manutenzione del verde pubblico, additati da qualcuno come responsabili dei danni avvenuti. Napoli ha fatto riferimento ai lavori già avviati per il ripascimento e la difesa della costa che hanno evitato danni maggiori ed ha escluso completamente che si possa decidere per un ulteriore rinvio dell’avvio dell’anno scolastico fissato al 28 settembre.