Tempo di lettura: 1 minuto

Avellino – Continua l’inchiesta inerente alle aste giudiziarie. Inchiesta legata da un filo indissolubile con il Clan Partenio 2.0. Al setaccio i computer e i telefoni sequestrati nei giorni scorsi ai tre custodi giudiziari. Il prossimo 20 novembre il conferimento il pm Henry John Woodcock della direzione distrettuale antimafia di Napoli conferirà l’incarico ad alcuni consulenti per scovare delle prove all’interno di cellulari e personal computer.

L’obiettivo è ricercare email, contatti, messaggi che possano ricondurre gli inquirenti direttamente al filone delle aste giudiziarie. Aste che erano ormai diventate un grosso affare per il gruppo criminale. Business sul quale gli stessi fratelli Galdieri avevano convogliato il loro interesse. Nel frattempo i legali dei tre custodi giudiziari finiti nel mirino della magistratura respingono le accuse mosse dai pubblici ministeri della direzione distrettuale antimafia.