Tempo di lettura: 2 minuti

Il mercato del Benevento sta entrando gradualmente nel vivo. Dopo aver conquistato la promozione in serie A sul campo, per il club giallorosso è giunto il momento di spostarsi dietro la scrivania per sbrigare i nodi burocratici legati allo stadio ma soprattutto per operare le scelte che conducono alla costruzione di una rosa competitiva per la massima serie. Il primo tassello da sistemare riguarderà la porta. Sono flebili le speranze che Alessio Cragno possa essere confermato in giallorosso dopo il ritorno al Cagliari, dunque Baroni e la dirigenza stanno sfogliando la margherita. Uno dei nomi più caldi delle ultime ore è risultato essere quello di Radunovic, portiere classe ’96 di proprietà dell’Atalanta e lo scorso anno in prestito all’Avellino. La pista che conduce a lui potrebbe essere quella più percorribile anche per la questione legata agli under.

In difesa piace molto Letizia del Carpi, uno dei nomi circolati con maggiore insistenza nei primi giorni di mercato. La scelta dovrebbe essere orientata ad uno tra lui e Di Chiara, autore di un ottimo campionato nelle fila del Perugia. Sulla corsia destra è invece tutto fatto per il riscatto di Gyamfi che a meno di un ipotesi prestito, dovrebbe far parte della rosa giallorossa anche in serie A. Tuttavia la notizia di giornata resta la permanenza di Puscas. Di Somma ha trovato l’accordo con Ausilio per un altro anno di prestito dell’uomo rivelazione degli ultimi play off. Ad accompagnarlo nella batteria degli attaccanti potrebbe essere Dionisi, che da Frosinone danno per molto vicino al Benevento. La trattativa, stando alle sirene ciociare, sarebbe a buon punto, ma ulteriori sviluppi si avranno soltanto nelle prossime ore, anche perchè i nomi di Trotta e Coda non sono da archiviare. Il diesse giallorosso Salvatore Di Somma aveva provato a chiedere all’Inter anche Caprari, ma sul giocatore ci sono già altri club della nostra serie A come l’Udinese ma soprattutto l’Atalanta. Se il “papu” Gomez dovesse partire, proprio l’ex Pescara sarebbe infatti la prima scelta dei bergamaschi.