Tempo di lettura: 2 minuti

Benevento – Nella mattinata odierna il Prefetto dott. Carlo Torlontano, così come anticipato nella riunione dell’11 ottobre u.s., tenutasi con  le Organizzazioni Sindacali in merito all’assunzione di iniziative finalizzate ad un rafforzamento dell’impegno delle Istituzioni competenti che concorrono alla verifica dell’osservanza della normativa in materia di sicurezza sul lavoro, ha incontrato il Direttore dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro, il Direttore dell’INPS, il Direttore del Servizio Igiene e Medicina del Lavoro e il Dirigente per la Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro dell’ASL, il Responsabile dell’ INAIL ed il Presidente dell’Ance.

Dopo ampia discussione, si è convenuto di implementare, nell’ambito del Nucleo di Controllo, già  preposto alla vigilanza sull’attuazione delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza da Covid – 19, composto da personale dell’Ispettorato Territoriale  del Lavoro, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e dell’Azienda Sanitaria Locale,  i controlli congiunti diretti a verificare l’osservanza delle norme dettate in materia di sicurezza sul lavoro presso i cantieri edili, con il coinvolgimento anche degli  ispettori dell’ INAIL e dell’INPS per le attività di competenza.

Con cadenza bimestrale l’Ispettorato Territoriale del Lavoro  raccoglierà i dati relativi agli esiti delle verifiche effettuate inviandone il report  a questa Prefettura  al fine di procedere con gli Enti interessati e le Organizzazioni Sindacali di categoria all’ analisi congiunta degli stessi.

Nel corso della riunione è emersa, altresì, l’opportunità di assumere anche  iniziative dirette a  promuovere la cultura della sicurezza attraverso interventi sull’attività formativa, al fine di garantire  la reale ed  efficace formazione dei soggetti che operano nel settore.

Si è, pertanto, concordato di fissare un successivo incontro tecnico  con  l’Ance, la Cassa Edile, l’Asl, gli Ordini Professionali degli Ingegneri, degli Architetti, dei Geometri, degli Agronomi e dei Periti Agrari per avviare un’attività  di elaborazione di linee guida che possano costituire spunto per un miglioramento dell’offerta formativa fornita da enti ed organi formatori.