Tempo di lettura: 2 minuti

Il mondo del grande pittore e scultore Joan Miró nato a Barcellona nel 1983 sbarca a Napoli: il Pan, il Palazzo delle Arti, ospiterà dal 25 settembre al 23 febbraio ottanta opere tra quadri, disegni, sculture, collage e arazzi, tutte provenienti dalla collezione di proprietà dello Stato portoghese in deposito alla fondazione Serralves di Porto. 

Un percorso suggestivo che racchiude sei decenni dell’attività creativa di Mirò, dal 1924 al 1981, e che celebra uno dei maggiori esponenti del surrealismo. Opere che si fondano sulle emozioni dei colori e dei contrasti, ma anche su soggetti onirici e sperimentazioni sia di tecniche che di materiali. La mostra è cura di Robert Lubar Messeri, professore di storia dell’arte all’Institute of Fine Arts della New York University, e sotto la guida di Francesca Villanti, direttore scientifico Cor. 

Nel 2014 lo Stato portoghese ha impedito la vendita della collezione, allora del Banco Português de Negoció, preservando un patrimonio di inestimabile valore per il popolo portoghese. Tra ottobre 2016 e giugno 2017, le opere sono state presentate per la prima volta al Museo Serralves di Porto, in una esposizione che ha ottenuto oltre 300mila visitatori. Un’occasione unica per turisti e cittadini napoletani di ammirare una collezione unica al mondo.