Spacciatori negli stadi italiani, Giorgetti si allinea a DeLa ma il Viminale non dorme

Tempo di lettura: 1 minuto

Il presidente del Napoli, a margine del Forum “Il Calcio che vogliamo” presso la sede de il “Corriere dello Sport”, ha manifestato la sua amarezza per tutti gli episodi che accadono continuamente all’esterno e all’interno degli impianti di Serie A.

“Abbiamo lo spaccio della droga dentro gli stadi, parliamo delle curve come tifo sano, ma il tifo sano delle curve non può partecipare, non può parlare, non può stare seduto al posto a te riservato e non sei libero di cantare ma stare sempre alle direttive dei capi”.

“Spacciatori in stadi? Probabilmente ci sono, temo che sia vero, ma il Viminale non dorme, fa quello che fa e con dei risultati ma c’e molto da fare. Noi abbiamo presentato proposte ad hoc ma il Parlamento ha preferito operare con norme ordinarie, ma magari servono interventi più incisivi”.
Questa la risposta del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, a margine dell’ evento “Awords” organizzato dalla Lega serie A all’Ara Pacis, commentando le parole del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, in merito all’ordine pubblico negli stadi.