Tempo di lettura: 2 minuti

“È necessaria una programmazione regionale per risorse che poi dovranno essere spese dei singoli comuni”.  È quanto l’assessore regionale alle politiche sociali Lucia Fortini ha chiesto nella conferenza Stato Regioni, incontrando in call conferenze i ministri Gelmini e Bianchi ed ottenendo dagli stessi rassicurazioni di ascolto in merito a questa proposta, partita dalla Campania.

È stata proprio l’assessore Fortini  a rendere noto l’esito dell’incontro avvenuto a margine della sua presenza questa mattina nella Valle dell’Irno, per visitare l’asilo nido Arcobaleno di Baronissi ed  il micro nido di Mercato San Severino in località Ciorani scelti come modello di eccellenza e buone pratiche in Campania nell’ambito dei servizi educativi per l’infanzia.

La presenza dell’assessore è stata anche occasione per fare un punto sulla situazione covid  nelle scuole campane: ”Le province di Salerno, Avellino e Benevento sono quelle che stanno meglio,  chiaramente ci sono molte classi che sono in dad ma per scopi precauzionali– ha detto l’assessore Fortini-  è stato fatto un po’ di confusione a livello ministeriale e io dico sempre che, per quanto riguarda la scuola, l’importante è che ci siano delle informazioni e che siano poche e chiare. Il fatto che ci siano state due circolari, una del ministero dell’istruzione della salute e il giorno dopo Palazzo Chigi abbia smentito, ovviamente non fa bene alla scuola, però devo dire che la situazione è abbastanza sotto controllo e ritengo che si continuerà in presenza per tutto l’anno scolastico. Poi è chiaro la pandemia ci ha abituato a cambi repentini di rotta però il fatto che comunque le vaccinazioni siano a buon punto ci lascia ben sperare”.